Bardolino (Vr), cinque giorni di eventi con la Festa dell’Uva

0

La musica, i colori, l’enogastronomia, gli spettacoli, l’artigianato locale e gli appuntamenti dedicati al nettare rosso rubino per la festa dell’Uva di Bardolino, in provincia di Verona, annuale palcoscenico creato per omaggiare il vino simbolo di un territorio, dal Classico al Superiore e al Chiaretto. Dal 29 settembre (inaugurazione alle 18) al 3 ottobre la rassegna animerà il lungolago e le vie del centro storico. Organizzata dalla Fondazione Bardolino Top con il Comune, la “Festa dell’Uva” è giunta all’87° edizione e porta sulle rive del Garda decine di migliaia di visitatori ogni anno. Quest’anno ci sarà spazio anche per la solidarietà in favore delle popolazioni colpite dal sisma del centro Italia il 24 agosto. Partirà proprio da qui l’iniziativa “Bardolino for Amatrice, Accumoli e Arquata del Tronto” che prevede la vendita di 3.500 t-shirt in alcuni punti dedicati, per non dimenticare quanto accaduto. Il ricavato sarà interamente devoluto alla ricostruzione dei tre paesi.

Anche migliaia di cartoline con le coordinate bancarie dei tre Comuni saranno distribuite nei giorni, negli stand della festa e tra le attività commerciali di Bardolino. “L’idea è partita da un gruppo di cittadini, che si sono rivolti alla Fondazione e al Comune per poter avere supporto e aiuto nello sviluppo dell’iniziativa – dice il sindaco Ivan De Beni – Con loro abbiamo voluto coinvolgere direttamente la festa, data la risonanza dell’evento e fare in modo che questa importante vetrina serva anche per avvicinare alla solidarietà il maggior numero di persone possibili. Il nostro auspicio è che questo progetto, che non proviene da una parte politica o istituzionale, ma dalla sensibilità dei cittadini, aiuti a ricostruire, ma anche a non dimenticare quanto successo”.

Per quanto riguarda il programma, il punto centrale sarà il Parco Carrara Bottagisio, sul lungolago Cornicello, dove gli stand delle associazioni formeranno una grande arena a circondare il palco degli spettacoli. Si potranno degustare il Bardolino, proveniente da una delle ventitré cantine del territorio, accompagnato da uno dei ventisei menù gastronomici proposti dalle associazioni. L’intrattenimento musicale sarà formato da sedici concerti in cinque giorni, passando dalla cover band degli Abba, al funky della Kira’s Band, lirica della Fucina dell’Opera e dance con l’Untouchable Party di Radio Studio Più. Sul lungolago Mirabello, invece, ci sarà spazio per lo shopping, con decine di aziende provenienti da tutta Italia che esporranno i loro prodotti, tra artigianato e gastronomia tipica, dove poter trovare particolarità regionali e locali.

Borgo Garibaldi, uno degli scorci storici del paese, ospiterà il “Baule della Arti”, una serie di microaziende espressione dell’ingegno e artigianato Made in Italy in stile medievale, compresi i costumi dell’epoca. Simbolo della festa sarà di nuovo la grande botte alta 6 metri e larga 4, posizionata in piazza Catullo e punto di distribuzione del succo d’uva. La “cura dell’uva”, come viene chiamata, è già partita l’8 settembre al ritmo di oltre 100 litri di prodotto servito ogni giorno. Dal punto di vista dei numeri, ci saranno 110 tra aziende e associazioni, di cui 23 cantine, 15 microimprese, 30 imprese di gastronomia e artigianato, 16 aziende di promozione e 26 associazioni.

La location è disposta su 2.850 metri quadrati per 3 mila posti. L’anno scorso sono statoi venduti 54 mila bicchieri, mentre sono attese 150 mila persone in cinque giorni. Anche quest’anno sarà presente la navetta che dai principali parcheggi del territorio porterà nelle vicinanze della festa, per un servizio attivo tutti i giorni dalle 8 alle 12 e dalle 15 alle 24. La rassegna sarà aperta dalle 11 all’1 di notte. Tutti gli appuntamenti si trovano sul sito internet.