Vaprio d’Adda (Mi), dal 29 settembre al 2 ottobre in Villa Castelbarco torna “Sposidea”

0

La 23a edizione di “Sposidea”, la storica fiera dedicata al mondo del wedding, a Villa Castelbarco di Vaprio d’Adda, in provincia di Milano, dal 29 settembre al 2 ottobre, scommette sulla coppia “Amore” e “Libertà” per accompagnare i futuri sposi lungo la nuova, emozionante, avventura dell’organizzazione del giorno più bello. Per quattro giorni, gli innamorati avranno a disposizione i migliori artigiani d’Italia nella dimora settecentesca per catturare suggerimenti e consigli preziosi per il matrimonio. Stilisti, graphic designers, pasticceri, maestri floreali, wedding planner, esperti di catering, life coach, giornalisti, psicologi e blogger: un team per progettare il giorno più bello con i professionisti più creativi.

Ci sarà anche il test dell’ordine degli Psicologi della Lombardia “Che tipo di partner sei: narciso, equilibrista o guardiano dell’amore?”. Il sondaggio, disponibile da fine giugno e fino al 20 agosto sul sito internet e sulla pagina Facebook, ha già riscosso un notevole successo mettendo alla prova in pochi giorni oltre 120 coppie. Domande come “accetteresti che il tuo partner mantenesse dei contatti con gli/le ex?”, “ti capita di controllare attraverso l’uso dei social o del cellulare il partner?”, “e il sesso che ruolo ha nella coppia?” cui gli innamorati hanno iniziato a rispondere mettendo a nudo punti di forza e di debolezza delle proprie relazioni.

Dai primi risultati è emerso che gli italiani sono un popolo di innamorati “equilibristi”, ben 113 profili, cioè che tendono a vivere il rapporto di coppia in maniera matura, rispettando identità e spazi altrui e trovando il giusto mezzo tra autonomia e vicinanza. Sono di meno i “Guardiani dell’Amore”, con appena nove profili emersi dal sondaggio.

Si tratta di persone che tendono a vivere il rapporto di coppia in modo assoluto, ponendosi rigidamente rispetto al partner. Il rischio, in questo caso, è ottenere gli effetti peggiori, portando il partner a sentirsi troppo vincolato. Infine, solo uno è “Narciso”: in questo caso, più che il “noi”, prevale “Io”, con grande attenzione per i propri desideri, i propri bisogni e la propria autonomia.