Casentino (Ar), bresciano Albertini vince il Rally. Secondo Luca Rossetti

0

Stefano Albertini ha vinto il 36° Rally internazionale del Casentino con un secondo di vantaggio rispetto a Luca Rossetti. Per il pilota bresciano, navigato da Danilo Fappani, è il secondo successo assoluto in carriera e il primo con una WRC, categoria che l’ha visto praticamente al debutto dopo i 500 metri fatti al 1000 Miglia e 60 km di test pre-gara bresciana. Al terzo posto Felice Re e al quarto Andrea Nucita a testimoniare la validità degli avversari. “Dedico la vittoria a mio papà scomparso nel maggio dello scorso anno – dice Albertini – Tornare a correre dopo tanto tempo, su una macchina cosi impegnativa, con avversari così forti e vincere, mi dà grande gioia. La squadra mi ha messo a disposizione una vettura molto competitiva, in grado di fare il risultato vincente” dice con la solita modestia il pilota di Vestone.

I primi complimenti arrivano dal suo navigatore Fappani che ha saputo gestire la pressione cui Albertini è stato sottoposto durante la gara. Tutto si è deciso sull’ultima prova notturna di 36 km, non priva di paura per il duo bresciano, con un capriolo che ha attraversato la strada al loro passaggio, per fortuna evitato con una manovra da campione. Bastava anche solo rompere un faro e addio vittoria. “Non ho sfruttato la vettura al 100% – dice alla fine Albertini – Sull’ultima prova, molto sporca, era facile sbagliare, ma ho guidato con grande attenzione”. Per la scuderia Mirabella Millemiglia e per i soci che hanno sponsorizzato l’iniziativa è una grande soddisfazione.

L’entusiasmo è nelle parole di Claudio Filippini, segretario del sodalizio. “La scuderia è tornata ai posti che le competono – dice – Anche Vittorio Palazzani e Sandro Ghidini, figure storiche della scuderia hanno seguito la gara. Le prove erano difficili e la pressione su Albertini era grande. Posso dire che, guardando alcuni cameracar e passaggi sulle prove, il nostro pilota ha mostrato grande sicurezza e tranquillità. Un pilota che usa la testa sa gestire la gara e ha usufruito di un navigatore che gli ha dato grande tranquillità”.

Ci sarà un futuro per Stefano? “Qualche gara mi piacerebbe farla – dice il pilota – ma senza impegni eccessivi. Noi – replica Filippini – festeggeremo il pilota mercoledì a Salò, con tutti quelli che ci hanno aiutato. Abbiamo avuto un risultato sperato, ma sofferto e stiamo guardando avanti con il presidente Luigi Zampaglione per capire cosa fare per il futuro di Albertini. Speriamo che qualcuno si sia accorto delle sue grandi capacità”.