Zurigo, cento giorni di “Manifesta 11”. Sul lago torna la biennale d’arte

0

Dopo aver festeggiato pochi giorni fa l’apertura del nuovo San Gottardo, che avvicinerà ancora di più Zurigo all’Italia, e ancora in fermento per il centenario Dada da febbraio, la città svizzera si appresta ad ospitare da domani, sabato 11 giugno e per cento giorni, “Manifesta”, la biennale europea di arte contemporanea. L’undicesima edizione è curata dall’artista Christian Jankowski che metterà al centro della biennale quesiti culturali e topografici trasposti artisticamente. Il motto per Zurigo sarà “What People Do For Money: Some Joint Ventures”. Quali lavori svolgono le persone per guadagnare soldi?

Diversi artisti affronteranno questo quesito, elaborandolo dal punto di vista artistico. I contributi video artistici saranno trasmessi su una piattaforma galleggiante sul lago di Zurigo, palco principale della manifestazione, allestito appositamente per “Manifesta 11”. Questo “Pavillon of Reflections” verrà usato come stabilimento balneare di giorno e luogo di riflessione per le opere presentate, di sera.

La rassegna non si svolgerà soltanto in riva al Lago, ma anche al Museo Migros di arte contemporanea, alla Kunsthalle Zürich, allo Helmhaus Zürich e al Cabaret Voltaire che fungeranno da location primarie. “È un vero onore poter ospitare un evento di fama mondiale quest’anno a Zurigo – dice Lucia Filippone, responsabile del mercato italiano a Zurigo Turismo.- Avremo l’occasione di trasformare l’intera città in una piattaforma artistica dove persone comuni potranno incontrare artisti internazionali”.

Prossimi eventi
Festspiele Zürich – Dadaismo: tra follia e assurdità (3-26 giugno)
Durante il festival, Teatro dell’Opera, Schauspielhaus, Tonhalle e Kunsthaus trasformano la città di Zurigo in un vibrante centro culturale. Il variegato programma comprende, tra le altre cose, mostre d’arte, letture, produzioni teatrali e concerti. Altre associazioni e istituzioni completano l’offerta culturale del festival “Festspiele Zürich” con le loro idee e produzioni. Quest’anno, l’intero programma sarà dedicato al motto “Dadaismo: tra follia e assurdità”.

Züri Fäscht (1-3 luglio)
Ogni tre anni, la festa zurighese “Züri Fäscht” conquista tanto gli abitanti del posto quanto i turisti. Durante il primo fine settimana di luglio, la festa popolare più grande della Svizzera attira per tre giorni circa 2 milioni di visitatori. Bancarelle con prelibatezze internazionali, concerti, rappresentazioni artistiche, giostre e fuochi d’artificio il sabato sera garantiscono intrattenimento, varietà e divertimento per grandi e piccini tutt’attorno al bacino lacustre.

Zürcher Theater Spektakel (18 agosto-4 settembre)
A metà agosto Zurigo si trasforma nella città dei palcoscenici. Ogni anno, lo Zürcher Theater Spektakel invita circa 30-35 gruppi o artisti individuali di tutto il mondo. Videoteatro, rappresentazioni di strada e opere classiche: il programma comprende l’intero ventaglio delle arti figurative. Ristoranti e bar, spettacoli a cielo aperto ed eventi ad hoc caratterizzano lo Zürcher Theater Spektakel dal 1980.