Milano, lavori e formazione per la legalità nella cascina Nosedo confiscata

0

Tre giorni di campo di lavoro e di formazione per giovani dai 16 ai 70 anni a Milano. Le mattine si lavorerà nella cascina confiscata all’illegalità. Nel pomeriggio si farà formazione. La sera ci saranno momenti di festa con musica, aperti al quartiere. I partecipanti (massimo 20) dormiranno e mangeranno nella cascina (in modo autogestito).
L’appuntamento sarà alla cascina Nosedo di via San Dionigi 80 a Milano dal 15 al 17 luglio. La quota è di 60 euro (più 5 euro di tessera associativa). Le iscrizioni sono aperte fino al 10 luglio.

Il senso di insignificanza è una delle cause della rassegnazione e della passività. Si ritiene però che, se ci si sente insignificanti, è perché, tra le altre cose, non si conosce l’efficacia di molte “rivoluzioni nonviolente”, realizzate da migliaia e migliaia di persone “insignificanti” che hanno determinato cambiamenti importanti nella storia dell’umanità. Questo senso di insignificanza e la distanza ogni giorno crescente tra i giovani e le istituzioni provocano una sempre minore partecipazione critica dei cittadini alla vita sociale e politica dei quartieri, paesi, città e nazioni. Il pessimismo, l’impotenza e l’ignoranza sono aspetti che si vorrebbero modificare.

D’altra parte, si vuole aumentare il senso di appartenenza dei giovani e degli adulti alla “res publica”, alla collettività. È necessario passare dal “mi conviene” al “mi interessa”. Conoscere diversi modelli di lettura del fenomeno della Violenza Macro (Patfoort, Galtung, Helder Camara), riflettere sulla partecipazione alla zona grigia, all’interno di dinamiche di violenza/ingiustizia. Conoscere la nonviolenza come proposta di cambiamento sociale, riflettere sulla propria percezione di potere/impotenza davanti ai problemi sociali e promuovere la voglia di partecipare alla società e di allearsi con chi promuovere un cambiamento sociale in senso nonviolento. Questi sono gli obiettivi.

Il programma prevede alle 8,30 la colazione, alle 9 si lavora nella cascina con le vostre proposte (sgombero, pulizia, imbiancatura, lavori di muratura) e alle 13 il pranzo preparato dai volontari. Poi la pausa e dalle 16,30 alle 20,00 si fa formazione sulla nonviolenza e la legalità (con strumenti dinamici e giochi di ruolo). Infine, alle 20 la cena ancora preparata dai volontari, alle 21 di venerdì e sabato sera musica, giocoleria, massaggi e festa. Alle 23 si dormirà in cascina.