Valcamonica, violenza alla fidanzata, spaccio e alcol a minori. Due arresti e due denunce

0

Nei giorni scorsi in Valcamonica i carabinieri sono stati impegnati in tre operazioni distinte. Venerdì notte a Darfo Boario Terme i militari locali con la polizia locale hanno arrestato 24enne italiano, incensurato e residente a Rogno, in provincia di Bergamo, per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. In una zona isolata del paese è stato sorpreso a cedere tre dosi di marijuana da circa 3 grammi a due giovani residenti. Perquisito, è stato trovato in possesso di altre quattro dosi della stessa sostanza da 5 grammi, già confezionate e pronte per essere vendute a 10 euro ciascuna. Somma ritenuta provento dell’attività di spaccio e trovati altri 10 grammi.

Durante il controllo della sua casa sono stati trovati altri 15 grammi di marijuana, tre bilancini elettronici di precisione, quattro cellulari, materiale per preparare e confezione la droga e 70 euro in contanti. I due clienti sono stati segnalati come assuntori di stupefacenti. Nel processo per direttissima il giorno dopo, l’autorità giudiziaria ha convalidato l’arresto e condannato il 24enne a un anno di reclusione, con pena sospesa e affidamento in prova ai servizi sociali. La stessa notte, sempre a Darfo Boario, i carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile hanno arrestato un 39enne italiano, incensurato, residente ad Angolo Terme, per violazione di domicilio aggravata.

Ubriaco e nonostante il rifiuto della fidanzata di farlo entrare in casa, ha scavalcato il cancello e ha abbattuto la porta d’ingresso picchiando la donna che poi è riuscita a scappare. Portata all’ospedale di Esine per le cure, addosso aveva varie ferite. Al momento dell’intervento da parte delle forze dell’ordine, l’aggressore era in casa e confuso. Processato per direttissima, gli è stato convalidato l’arresto con il divieto di avvicinarsi alla fidanzata a meno di 200 metri e in vista del processo. Infine, i carabinieri di Capo di Ponte con quelli del Nucleo Operativo e Radiomobile di Breno, Ponte di Legno e Vezza d’Oglio, hanno eseguito un’attività di controlli.

Hanno denunciato a piede libero un 33enne e un 32enne, entrambi residenti a Ceto, per somministrazione di bevande alcoliche a minori. Il 28 maggio scorso, nei loro bar nella media Valcamonica, avevano venduto superalcolici a due 15enni. Nel corso degli accertamenti sono anche state contestate sei violazioni amministrative per somministrazione di super alcolici a minori, di alimenti e bevande in luogo pubblico o aperto al pubblico di spettacoli o trattenimenti senza la prescritta licenza e altro.