Vobarno, 37enne ucciso in casa a coltellate dopo una lite. Interrogato il cognato

0

E’ ancora tutto da decifrare il delitto avvenuto oggi all’ora di pranzo, intorno alle 13,30, in un appartamento di una palazzina di pochi piani in via Prada a Carpeneda di Vobarno, in Valsabbia. Un uomo di 37 anni, operaio di origine albanese e con regolare permesso di soggiorno in Italia, è stato ucciso a coltellate, probabilmente dopo una furiosa lite. All’interno della casa c’erano anche la moglie e il fratello di lei che vivono insieme al 37enne sotto lo stesso tetto. La chiamata al 112 per chiedere l’intervento dei soccorsi è partita proprio dopo le 13,30.

Sul posto sono giunte le ambulanze e l’elicottero, ma per il 37enne non c’era più nulla da fare. E’ morto trafitto dai fendenti. La pratica è quindi passata ai carabinieri di Salò e Vobarno che hanno attivato anche la sezione investigazione scientifica per compiere tutti i rilievi nell’appartamento. Nel momento in cui sono arrivati i primi mezzi di soccorso, sembra che la moglie della vittima fosse fuori ad aspettarli, mentre il fratello era rimasto all’interno.

Quando la notizia si è diffusa e ha raggiunto il fratello 23enne della vittima, questo ha accusato un malore. E’ stato quindi portato in ospedale con la madre e moglie del 37enne. Dalle prime e sommarie informazioni raccolte dagli inquirenti tra i vicini di casa sembra che all’interno della famiglia non ci fossero mai stati problemi. Le forze dell’ordine e il magistrato giunto sul luogo stanno sentendo il cognato della vittima rimasto in casa.