Brescia, “mi aiuta a medicare il bambino ferito?”. Scatta la nuova truffa

0

E’ la nuova frontiera delle truffe davanti al campanello di casa e sta colpendo diverse zone della provincia di Brescia, da Flero a Castel Mella, Dello a Mairano e nell’hinterland. Un uomo e una donna, quest’ultima con in braccio un bambino di non più di 3 anni, si presentano alle porte di casa per chiedere aiuto ai residenti. Si giustificano per il fatto che il piccolo ha riportato diverse ferite dopo una presunta caduta e ha bisogno di essere medicato.

Così chi sta all’interno della casa, meglio se anziano, si intenerisce e fa entrare la coppia. Il bambino presenta varie ecchimosi, ma in realtà sono un trucco creato con sciroppo e farina. E mentre la donna si fa aiutare dal padrone di casa per medicare le ferite, l’uomo che è con lei chiede di lavarsi le mani, ma in realtà rovista tra i cassetti della casa rubando denaro, gioielli e valori. E la truffa è servita.