Giro d’Italia, rapporto Casa.it sui prezzi degli immobili alle partenze e arrivi

0

Per la 99esima edizione del Giro d’Italia, in corso fino a domenica 29 maggio, Casa.it, uno degli sponsor della manifestazione, segue la corsa analizzando quanto costa abitare nelle tappe italiane, tra salite e discese delle quotazioni immobiliari. Le province di Brescia, Bergamo, Milano, Monza e della Brianza mercoledì 25 maggio saranno tra le protagoniste della 17° tappa che da Molveno, nel trentino, terminerà il percorso a Cassano d’Adda, nel milanese. Ma anche della 18° di giovedì 26 maggio che partirà da Muggiò, nel monzese, passando per le milanesi Cinisello Balsamo, Rho e Magenta.

Dopo avere superato lo start a Molveno (Tn), con il prezzo di 3.400 euro al metro quadrato, la bandierina di passaggio si trova posizionata a Brescia, dove il valore medio di un immobile si aggira attorno ai 1.900 euro al metro a fronte di un budget disponibile di 155 euro. Da qui si fa tappa a Treviglio con 1.700 euro al metro quadro e terminando la corsa nella provincia di Milano, a Cassano d’Adda, a 2.100 euro per metro quadrato. L’indomani si riprende da Muggiò, punto di partenza con 1.500 euro al metro, per poi salire anche nei prezzi in direzione Cinisello Balsamo (Mi), Rho (Mi) e Magenta (Mi), rispettivamente a 1.700, 1.800 e 2.200 euro al metro quadrato.

Ripercorrendo tutte le tappe del giro, si scopre che dopo una ripida discesa a Ponte, in provincia di Benevento, dove un immobile costa 950 euro al metro quadro, gli sforzi maggiori dovuti ai prezzi in salita si concentrano in Trentino Alto Adige, con la prima posizione in classifica registrata da Corvara (Bz). Qui, nella meta regina degli ultimi chilometri della 14° giornata, per acquistare un appartamento o uno chalet occorrono in media 9.300 euro al metro. Proseguendo in sella, seppure mantenendo costi elevati, si scende lentamente con velocità costante, sempre nella provincia di Bolzano, verso la tappa successiva che viaggia da Castelrotto ad Alpe di Siusi, entrambe con una quotazione di 5.400 euro al metro.

Anche nella 18° tappa a Muggiò (Mb) la pendenza è verso il basso con 1.500 euro al metro, così come nella 20° a Sant’Anna di Vinadio (Cn), punto più economico tra gli arrivi del Giro d’Italia, insieme a Foligno (Pg), con 1.300 euro al metro quadrato. Si rimonta sul finale a Torino per brindare con il vincitore in Corso Moncalieri, dove l’offerta al mq è di 3 mila euro e i tempi di vendita sfiorano gli 8 mesi. Ma qual è la località, tra tutte le tappe di partenza e di arrivo del Giro d’Italia, che corre più veloce nei tempi di vendita di una abitazione? Casa.it ha assegnato la propria maglia a pari merito a Greve in Chianti (Fi), punto di arrivo della 9° tappa e a Modena, partenza dell’11°, che vincono con il record di 6,9 mesi per vendere un immobile, contro una media generale di 8,6.

PREZZI SULLE TAPPE DEL “GIRO”