E’ morto Marco Pannella

1

E’ morto un italiano che per molti rappresentava il diavolo in persona.

E’ stato uno dei pochi politici coerenti sempre con se stesso e con le sue idee. Qualche volta sopra le righe, sempre disponibile alla discussione anche animata, ma rispettoso delle idee altrui.

Con le sue battaglie ha fatto in modo che l’Italia facesse giganteschi passi avanti sulla strada della modernizzazione e dei diritti civili delle donne e di chi era emarginato da una classe dirigente conservatrice e provinciale.

La sua storia politica si è intrecciata con i grandi del ‘900 fino ad arrivare ai giorni nostri con Berlusconi e Renzi.

Ha fondato il Partito Radicale, un’esperienza politica ben sintetizzata da Giuliano Zincone: “Quello radicale è un partito di notabili insediati autorevolmente in alcuni organi di stampa. Non basta mettere insieme bei nomi di professori universitari e di apprezzati professionisti per vincere le elezioni”.

Infatti fu il più grande tra coloro che non vinsero mai un’elezione politica.

Mentre scrivo le campane della vicina chiesa suonano a morto. Pannella starà sorridendo.

1 Commento

  1. Il Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei Diritti Umani esprime le più sentite condoglianze ai familiari dell’on. Marco Pannella per la sua scomparsa. Il fondatore del Partito Radicale è stato un difensore dei diritti civili che ha attraversato la storia italiana imprimendo alla sua condotta politica i caratteri distintivi della propria personalità, caratterizzata da irruenza, tenacia e “disubbidienza”.
    A prescindere dalla condivisibilità o meno di alcune sue proposte politiche, Marco Pannella si è comunque contraddistinto per la risolutezza e la forza con cui ha condotto, molto spesso, le sue azioni a difesa degli ultimi della società e della dignità umana.
    Contestato da alcuni e ammirato incondizionatamente da altri, all’indomani della sua morte, rimane un capo carismatico il cui ricordo resterà indelebile nella memoria collettiva.
    prof. Romano Pesavento
    Presidente Coordinamento Nazionale Docenti della Disciplina dei Diritti Umani

Comments are closed.