Brescia, sondaggio Groupon: cittadini orgogliosi dei servizi. Sporco e poca cura i “nei”

0

L’efficienza dei servizi cittadini: dalle scuole alla posta, dagli ospedali alle università. E’ la ragione principale per cui i bresciani sono ancora più orgogliosi di vivere nella propria città. E’ quanto emerge da un sondaggio di Groupon che ha indagato per cosa sono più amate alcune città italiane e cosa, invece, i residenti odiano del vivere in quel capoluogo. Nel dettaglio, il 23% dei bresciani ama Brescia per i servizi che offre e la loro efficienza, il 19% per la bellezza delle sue vie, dei suoi monumenti, degli angoli nascosti tra i quartieri e il 15% per le iniziative culturali, i musei, gli eventi e le mostre.

La qualità del cibo guadagna il 12% dei voti, mentre, a pari merito e con l’11%, si attestano i concittadini cordiali e amichevoli e il fatto che sia una città multiculturale, aperta e accogliente. Gli spazi verdi chiudono la classifica, come motivo di orgoglio al 9%. Quali sono gli elementi che per i bresciani rappresentano meglio Brescia? Per il 28% sono i “casonsèi”, i ravioli e i tortelli e il 25% ha scelto i vini della Franciacorta. Piazza Loggia per il 18% e il museo di Santa Giulia per il 16%. Agli ultimi posti, invece, dal punto di vista dei personaggi. Le canzoni di Francesco Renga sono amate dal 10% dei cittadini e solo il 3% ha votato per la ginnasta Vanessa Ferrari.

Il sondaggio si inserisce nella campagna Groupon #100voltegrazie che nasce dall’idea di capire qual è la percezione della propria città da parte dei suoi abitanti e come e dove loro stessi reputano sia migliorabile. Il sito vuole contribuire a migliorare ed abbellire i luoghi in cui si vive. E a scegliere come farlo sono stati proprio i cittadini. I progetti più votati sul sito nei giorni scorsi saranno realizzati da Groupon con la sua community. Per quanto riguarda Brescia, si tratta di offrire 100 ore di giochi o assistenza ai bambini in ospedale. “La forza del nostro sito si basa sulle community locali e sulla presenza capillare nelle varie città dei nostri partner – dice Nicola Cattarossi, Managing Director di Groupon Italia e Spagna.- Ci teniamo davvero ad ascoltare sempre, il più possibile, i nostri utenti e soddisfare le loro esigenze. Il progetto #100voltegrazie nasce con queste premesse e per contribuire a migliorare le nostre città”.

Per realizzare l’attività scelta a Brescia, Groupon si appoggia all’associazione “Vip Italia Onlus” che ha 4 mila volontari clown in servizio in oltre 200 strutture ospedaliere e sanitarie in tutta Italia. La campagna prevede una sezione dedicata del sito, che raccoglie tutte le offerte che hanno aderito all’iniziativa. Groupon donerà al progetto scelto 1 euro per ogni coupon venduto (acquistabile dal 9 maggio sulle pagine dedicate). Considerando, invece, le criticità della città, i lati negativi più segnalati dai bresciani sono la sporcizia e scarsa attenzione per le aree comuni (35%), il costo eccessivo della vita (21%) e la gente distaccata e fredda nei rapporti sociali (13%).

In più, il 12% ritiene il traffico impossibile e i mezzi pubblici lenti una pecca di Brescia e l’11% la scarsità di iniziative culturali e di divertimento. Dando uno sguardo al sondaggio in tutte le città, mentre fiorentini, romani, torinesi e milanesi confermano le proprie preferenze (monumenti in testa e prelibatezze culinarie al secondo posto) solo i bresciani si discostano da quest’ordine, preferendo il cibo e il vino rispetto ai monumenti cittadini.