Pagamenti Pa ai fornitori, Mef: Ats di Brescia al 12° posto su 500 enti

0

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze nei giorni scorsi ha pubblicato l’aggiornamento sullo stato dei pagamenti dei fornitori da parte delle pubbliche amministrazioni, riferito al periodo dall’1 luglio 2014 al 31 dicembre 2015. Una dedicata piattaforma ministeriale registra il totale delle fatture elettroniche emesse dai fornitori alle pubbliche amministrazioni e acquisisce dagli enti le informazioni sui pagamenti effettuati. Le fatture elettroniche sono obbligatorie nei confronti della pubblica amministrazione centrale dal 6 giugno 2014 e per tutti gli altri enti pubblici, compresi quelli sanitari, dal 31 marzo 2015.

L’Asl di Brescia (ora Ats) ha attivato il sistema di fatturazione elettronica in via sperimentale già il 17 febbraio 2015. Il sistema è stato integrato nel percorso di gestione elettronica dei documenti passivi voluto dalla direzione aziendale a partire dal 2011, che ha permesso visibilità dell’intero processo legato al pagamento dei fornitori ai diversi attori all’interno dell’agenzia. La dematerializzazione della documentazione contabile permette un monitoraggio in tempo reale del percorso della fattura dal suo arrivo in azienda alla registrazione, liquidazione (con firma digitale) al pagamento, con una riduzione conseguente dei termini di pagamento del fornitore.

L’Ats di Brescia, come emerge dai dati resi noti dal ministero, rientra tra le 500 amministrazioni considerate più “virtuose” rispetto all’obbligo di fornire informazioni. Per contribuire a rendere sempre più trasparente e visibile la spesa sanitaria, l’assetto aziendale procede a integrare periodicamente la piattaforma ministeriale. Secondo i dati pubblicati e aggiornati a marzo 2016, l’Ats di Brescia si posiziona al 12° posto, su 500 amministrazioni pubbliche, per numero di giorni intercorrenti tra la data di scadenza della fattura e la data di pagamento (con un valore di -23 giorni) e al primo posto tra gli enti sanitari lombardi. Con un impegno di spesa di 1,5 miliardi di euro, nel periodo considerato, l’agenzia ha pagato, di media, le fatture dei fornitori (per crediti certi, liquidi ed esigibili) in anticipo rispetto alle scadenze previste.

Il ministero il 12 aprile scorso a Roma, in occasione del seminario “Le best practices nel pagamento dei debiti commerciali delle pubbliche amministrazioni”, ha invitato l’Ats di Brescia a presentare il percorso amministrativo, gestionale e contabile che ha permesso all’agenzia di raggiungere buone performance di efficienza e tempestività nella gestione dei pagamenti. All’evento ha partecipato, in qualità di relatore, Lara Corini direttore del Servizio Risorse Economico Finanziarie dell’Ats.

Il direttore generale dell’Ats Carmelo Scarcella evidenzia che “dando atto del ruolo di governance esercitato dalla Regione Lombardia anche in ambito amministrativo e contabile, il buon risultato ottenuto fino ad ora è il riconoscimento di una strategia costante della direzione, prima di Asl e ora di Ats, che ha orientato la propria azione al miglioramento continuo della qualità e dell’efficienza dei servizi, attraverso il consolidamento di buone prassi e l’innovazione, anche tecnologica, essenziale per i continui cambiamenti del contesto in cui opera.

In particolare, preme sottolineare un percorso, intrapreso da tempo, per ottimizzare e semplificare le procedure di gestione documentale. Sono state realizzate numerose attività tra le quali, oltre alla dematerializzazione del ciclo passivo, la digitalizzazione dei decreti del direttore generale e delle determinazioni dirigenziali e l’attivazione del repertorio digitale dei contratti”.