Valtrompia, archivi e biblioteche entrano nell’OPAC della Rete Bresciana e Cremonese

0

Dopo la realizzazione di “Nuvole di carta”, la guida agli archivi della Valle distribuita a tutte le amministrazioni comunali nel corso del 2015, le informazioni ed i dati relativi agli archivi della Valle Trompia sono ora disponibili nell’Opac della Rete Bibliotecaria Bresciana e Cremonese, il catalogo on line che permette di accedere al patrimonio bibliotecario, e ora anche archivistico, direttamente da casa e all’indirizzo http://opac.provincia.brescia.it .

L’iniziativa è stata stata avviata a fine dicembre 2015 e realizzata dal Sistema archivistico della Comunità Montana in collaborazione con l’Ufficio Biblioteche della Provincia di Brescia. Questo spazio virtuale, completamente dedicato agli archivi storici locali, è il primo realizzato nell’Opac della RBBC (Rete Bibliotecaria Bresciana e Cremonese), ed è un risultato importante che sia stata proprio la Valle Trompia a progettare, testare e promuovere questa nuova esperienza nell’ambito di tutta la Rete bibliotecaria interprovinciale. Navigando nell’Opac è ora possibile trovare: – le informazioni sugli archivi storici della Valle e sugli inventari realizzati; – i dati sui progetti di salvaguardia e promozione condotti; – le esperienze didattiche condotte utilizzando documenti storici; – alcuni elaborati didattici realizzati dalle scuole.

Per quanto riguarda il patrimonio archivistico, attraverso i 34 punti di accesso presenti nella home page http://opac.provincia.brescia.it si possono consultare: – 30 archivi comunali (compreso Collebeato); – 191 fondi documentali aggregati (consorzi, congregazioni, fabbricerie etc.); – 8 archivi territoriali (archivi minerari Torgola di Collio e Stese di Pezzaze, archivio scolastico IPSIA “Zanardelli” di Gardone VT, archivio fondazione Istituto Bregoli di Pezzaze, Club Alpino Italiano di Gardone V.T., Centro di Documentazione di Storia e Vita locale di Nave, archivio Bevilacqua di Villa Carcina, Commissaria distrettuale di Gardone e Bovegno); – 6 archivi parrocchiali (Brozzo, Concesio, Inzino, Irma, Magno di Bovegno, Pezzoro); – 2 nuovi archivi di consorzi idrici (non presenti nella guida “Nuvole di carta”), salvaguardati nel corso dell’anno 2015 con il progetto “Gocce di pietra”.

L’aver reso l’accesso agli atti completamente on line permette all’utente, dopo la visione. dell’inventario, di inoltrare la domanda di consultazione compilando un semplice formulario già predisposto. Il Sistema archivistico ha poi il compito di ricontattare l’utente per concordare tempi e modalità di consultazione. Dalle pagine Opac Archivi ci si può collegare: al sito Progetto lombardo archivi in internet (Plain) della Regione Lombardia; al Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche (SIUSA) ed a numerose altre piattaforme ed istituti, con cui il Sistema Archivistico di valle collabora da anni (attraverso cui si può accedere anche ad altri patrimoni di natura archivistica).

Un aspetto non secondario è la possibilità di accedere alle informazioni e ai documenti degli archivi e delle biblioteche, sia cartacei che digitali, in un unico sito, una condizione che favorisce notevolmente la consultazione e la ricerca per gli utenti e promuove entrambi i patrimoni culturali. Nel corso del 2016 le pagine dedicate al Sistema Bibliotecario di Valle Trompia e alle biblioteche della Valle saranno ulteriormente arricchite di contenuti e informazioni.