“Car Innovation”, 12 startup finaliste di automative scelte da Digital Magics ed Euro Engineering

0

Si è conclusa “Car Innovation 2016”, la call for ideas che ha coinvolto le startup che vogliono realizzare business disruptive nel settore automotive, sviluppando progetti dalle auto connesse agli autonomous vehicle, dall’intrattenimento di bordo alla sicurezza informatica. La competition è stata lanciata da euro engineering, società di consulenza ingegneristica del gruppo Adecco e Digital Magics, business incubator quotato sul mercato AIM Italia di Borsa Italiana. “BerMat” è una piattaforma software e hardware per la creazione di auto personalizzate, scegliendo design, finiture e performance. Ha vinto l’advisoring con un team di ingegneri di euro engineering nei loro laboratori e il supporto di carattere tecnologico e di business networking da parte della piattaforma Sapienza Innovazione (Sapienza-Unicredit) della Sapienza Università di Roma.

BerMat ha ottenuto un incontro con il comitato di Digital Magics per l’accelerazione di due mesi con quattro postazioni all’interno dell’incubatore a Milano. “Brain One” è la prima telemetria smart per gli action sport, utilizzabile per qualsiasi tipo di attività. Primo mercato: il motociclismo. Ha vinto l’advisoring con un team di ingegneri di euro engineering nei loro laboratori. Ha ottenuto un incontro con il comitato di Digital Magics per l’accelerazione di due mesi con quattro postazioni all’interno dell’incubatore a Milano. “CarMe.io” è una piattaforma di servizi software saas: fleet management, car pooling e car sharing. Oltre a fornire un layer API per la realizzazione di nuovi servizi e applicazioni basati sempre sulle auto connesse a internet. Ha ottenuto un incontro per l’accelerazione di 2 mesi con quattro postazioni.

“DriWe”, startup che ha già destato forte interesse a Londra e in Italia, ha trasformato la mobilità elettrica da un sogno per pochi a una realtà quotidiana per tanti, grazie a una suite integrata hardware e software. Ha ottenuto un incontro per l’accelerazione di 2 mesi con quattro postazioni. “Easy Rain” ha progettato un nuovo sistema di sicurezza in grado di eliminare l’acqua in eccesso tra pneumatici e manto stradale. Il funzionamento alla base è un sistema intelligente di getti di liquido attorno agli pneumatici che garantisce maggiore sicurezza ai veicoli su ruote, contrastando il fenomeno dell’aquaplaning. All’ultimo momento non è potuta partecipare all’evento finale, ma resta uno dei progetti più interessanti fra i finalisti. “Egoista Motors” è la prima monoposto (design tipo Formula Uno) elettrica o ibrida, low cost, nella storia dell’automobilismo. “Kiunsys” sviluppa una serie di soluzioni innovative (hardware e software) per la smart mobility, lo smart parking e la city logistic che aiutano le città a rendere la mobilità più efficiente e sostenibile.

“Ines Cloud” è la prima piattaforma che consente di gestire in maniera unificata le regole, i processi e i servizi che governano l’accesso, il transito e la sosta di veicoli e persone in città, integrando anche hardware e servizi esistenti. “MDPtech” ha ideato iTec, l’innovativo sistema di controllo per mobile electronic dedicato a veicoli industriali, commerciali, macchine operatrici e agricole. MDPtech ha vinto l’advisoring con un team di ingegneri di euro engineering nei loro laboratori e supporto di carattere tecnologico e di business networking da parte della piattaforma Sapienza Innovazione (Sapienza-Unicredit) dell’università di Roma. “Powerseed CommuteBoard” ha sviluppato un nuovo concetto di “veicolo” per il mix-commuting urbano: uno scooter elettrico a due ruote, evoluzione degli attuali “hoverboard”, facilmente trasportabile, pratico, connesso e ricaricabile in auto. Ha vinto il supporto di carattere tecnologico e di business networking da parte della piattaforma Sapienza Innovazione (Sapienza-Unicredit) della Sapienza.

“Shu” è un innovativo sistema di supporto per la ricarica delle batterie dei mezzi di trasporto ibridi ed elettrici (auto, bus, furgoni, tir, macchine agricole e navi) che utilizza turbine eoliche ad asse verticale. “Spin8” fornisce un servizio chiavi in mano del sistema di ricarica (Hw/Sw) aperto a tutti i modelli di veicoli elettrici e con una piattaforma per rendere il sistema accessibile a tutti, anche da smartphone e arricchendo di servizi a valore per i diversi segmenti di mercato. “Unlimited Car Communication” (UCC) ha sviluppato un’applicazione che legge ad alta voce i messaggi che arrivano sul cellulare, e-mail e social network senza la necessità di guardare o toccare lo smartphone mentre si guida. Ibm ha deciso di offrire a tutti i progetti della fase finale la possibilità di accedere ai suoi programmi per le startup e ottenere crediti sull’utilizzo del cloud Ibm con il link per candidarsi e fare l’application.

Innogest Sgr e Magneti Marelli hanno espresso la volontà di approfondire l’analisi sulla base delle presentazioni dei progetti della fase finale e di ulteriori dettagli che le varie startup vorranno fornire. Allianz Global Assistance ha espresso la volontà di approfondire con incontri più tecnici “Unlimited Car Communication” (UCC) e “CarMe.io”. La giuria era formata da diversi elementi. Marco Guarna Managing Director di euro engineering Italia, Edmondo Sparano Chief Digital Officer e Consigliere di Digital Magics, Luisa Andreone Program Manager di Centro Ricerche FIAT-FCA, Antonio Carcaterra professore ordinario Università Sapienza di Roma alla facoltà di Ingegneria e presidente di Sapienza Innovazione (Sapienza-Unicredit), Paola Corna Pellegrini ceo di Allianz Global Assistance, Guido Ghisio di Technology Innovation Automated Driving Technologies Manager di Magneti Marelli, Pietro Puglisi Associate di Innogest SGR e Giuseppe Ravasi manager of Cloud Business Partners and Channel Italy di Ibm.

Fra gli oltre trenta progetti inviati, sono stati selezionati i dodici finalisti che hanno partecipato a una sessione di mentorship e tutoring per lo sviluppo dell’idea, organizzati da Digital Magics ed euro engineerig e hanno avuto la possibilità di presentare le loro innovazioni ad aziende di primaria importanza del mercato automotive italiano e non solo nello spazio di co-working TAG Milano Calabiana. “Abbiamo avuto non poche difficoltà per scegliere i dieci progetti finalisti perché il numero di quelli interessanti era più alto, infatti ne abbiamo selezionati dodici – dicono Marco Guarna ed Edmondo Sparano.- La qualità dei progetti è stata infatti confermata e apprezzata dai partner in giuria. Alla fine abbiamo preferito le startup innovative, le più ‘hardware’ e pesanti, quelle legate all’elettronica, ma anche alla meccanica, cercando di dare una fotografia il più completa e ampia possibile dello scenario ‘car innovation’ in Italia.

Un mercato che si è rivelato vivace, intelligente e competente come i giovani e i professionisti che lo stanno animando. L’Italia può ancora essere l’avanguardia tecnica, creativa e tecnologica nell’automotive, servono fiducia e investimenti. Lato Digital Magics di questa prima edizione di Car Innovation segna l’inizio di un’importante attività di ‘Open Innovation’ che vogliamo portare avanti con euro engineering e con i partner coinvolti nell’iniziativa. Lato euro engineering lo scouting insieme a Digital Magics e l’incontro con le startup innovative è stato davvero stimolante per la creatività delle idee e dei talenti italiani, speriamo di lanciare presto insieme altre iniziative in questo settore”.

ELENCO PROGETTI FINALISTI