“Giardini di Marzo”, martedì 5 all’Odeon di Lumezzane arriva “Comedians” al femminile

0

E’ attesa martedì 5 aprile alle 20,30, al teatro Odeon di Lumezzane, la compagnia “Stasera Non Escort” formata da Margherita Antonelli, Alessandra Faiella, Rita Pelusio e Claudia Penoni per lo spettacolo “Comedians”. Si tratta di una riflessione scatenata, divertente e ardita sul mestiere dell’attore comico. Con la regia di Renato Sarti e affiancate in scena da Rossana Mola e Nicoletta Ramorino, le quattro attrici portano in tournèe una versione contemporanea del testo firmato dal britannico Trevor Griffiths nel ’75, dove un gruppo di aspiranti comici è riunito per un provino che potrebbe cambiare loro la vita.

Restare fedeli ai propri ideali o tradire gli insegnamenti ricevuti per ottenere successo? Questo è il dilemma che anima l’opera, partendo dal mondo dello spettacolo per diventare una metafora della vita. Messo in scena in Italia dal Teatro dell’Elfo nel 1985, nell’edizione diretta da Gabriele Salvatores con vari artisti giovanissimi e allora quasi sconosciuti (Paolo Rossi, Claudio Bisio, Silvio Orlando, Antonio Catania, Bebo Storti, Gino e Michele), ha anticipato problemi e temi diventati dirompenti con la maggiore importanza assunta dalle tv private e dal condizionamento di massa. Oggi, a trent’anni di distanza, la formazione si cimenta in una versione inedita, al femminile.

Le quattro, attrici comiche di grande personalità e amate dal pubblico che le ha applaudite nel recente successo “Stasera non escort” (loro primo spettacolo insieme nato dall’incontro nel movimento “Se non ora quando” e diventato anche nome della compagnia), saranno le aspiranti comedians. Poco importa sapere chi resterà fedele ai propri ideali e chi li tradirà per ottenere successo. Di certo c’è che a vincere sarà la comicità che fa pensare. Il tipo di comicità su cui da sempre lavora Renato Sarti, che della storica messa in scena dell’Elfo fece parte e che, con spettacoli come “Nave fantasma”, “Io santo tu beato” e “Ritter Dene Voss”, propone un teatro popolare che cerca di svelare le lacerazioni della società e della vita anche tramite la risata e lo sberleffo.

L’allestimento, prodotto dal Teatro della Cooperativa e distribuito da Terry Chegia, conta sulle musiche di Carlo Boccadoro, scene e costumi di Carlo Sala. L’ingresso è di 14 euro e ci sono ancora posti disponibili. Le ultime prevendite saranno martedì 5 aprile alla biglietteria del teatro, aperta dalle 18,30 alle 19,30 e dalle 20 in poi. Lo spettacolo fa parte della rassegna “Giardini di marzo” insieme a “Fear Party” del danzatore Enzo Cosimi (12 aprile, ingresso 10 euro) e a “Still Life” di Ricci/Forte (20 aprile, ingresso 15 euro), nell’ambito della stagione promossa dal Comune.