“Schegge di cinema”, all’Odeon di Lumezzane gli anni ’50 di Roma con “Un maledetto imbroglio”

0

Ottavo appuntamento a Lumezzane per le “Schegge di Cinema” curate da Enrico Danesi nell’ambito della stagione del teatro Odeon e quest’anno centrate sulla tematica dei luoghi per “Una città, una suggestione, un film (Anno Primo)”. Mercoledì 2 marzo è protagonista la Roma di fine anni cinquanta nel film di Pietro Germi “Un maledetto imbroglio”.

La rassegna riserva ancora tre “schegge”, tutte di mercoledì: “Londra. La ragazza del dipinto di Amma Asante” il 9 marzo, “Parigi. Ultimo tango a Parigi” di Bernardo Bertolucci il 16 marzo e “Brescia. Il magnifico cornuto” di Antonio Pietrangeli il 23 marzo. L’inizio è sempre alle 20,30 e l’ingresso è libero.

“Un maledetto imbroglio” (1959, 120 minuti), liberamente tratto dal romanzo di Carlo Emilio Gadda “Quer pasticciaccio brutto de via Merulana”, è non solo diretto, ma anche magistralmente interpretato da Germi, che rivela il suo sguardo impietoso e ironico sulla borghesia.

Nel ruolo del commissario Ingravallo, indaga e cerca correlazioni tra un furto e un omicidio. Nastro d’argento per la sceneggiatura (di Germi con Alfredo Giannetti e Ennio De Concini) per il film accolto all’uscita come il miglior giallo in assoluto del cinema italiano.