PESCHIERA – Zika, in Italia la prima donna incinta colpita dal virus. Bambino mai nato

0

In Italia, precisamente sulla sponda veronese del lago di Garda, è stato segnalato il primo caso del virus Zika, presente in sud America e che colpisce soprattutto le donne in gravidanza. La vicenda ha colpito proprio una ragazza incinta di 26 anni, Sofia, che fino allo scorso giugno è stata in Brasile. E che, per colpa degli effetti di quell’insetto, non ha potuto far nascere il bambino in grembo. E’ Repubblica.it a darne notizia. La giovane nel 2012 era partita da Peschiera del Garda verso il Brasile per iscriversi a un corso di Biologia all’università.

Durante il periodo sudamericano la ragazza aveva conosciuto un uomo con cui ha stretto una relazione fino a quando, lo scorso marzo, ha scoperto di essere incinta. Ma nell’arco di un paio di mesi, la gioia per la possibile maternità si è infranta contro uno stato di forte malessere che l’aveva colpita a giugno. Si è così consultata con la propria ginecologa che le ha in qualche modo confermato di aver contratto il virus Zika, ma dicendole che gli effetti sarebbero passati in breve tempo. La giovane è poi rientrata in Italia, a Verona, per seguire meglio la gravidanza, ma i medici le hanno dato una triste verità.

Lo scorso settembre hanno scoperto che il feto non cresceva come doveva e la testa del nascituro presentava numerose cisti. E’ arrivata poi al 15 ottobre quando ormai il bambino nel grembo non dava più segni di vita ed è stato disposto il parto d’urgenza. La donna ha potuto tenere con sé solo qualche impronta del piccolo, mentre ha donato i tessuti. Solo un mese dopo, quando erano disponibili gli esiti dell’autopsia, ha scoperto che il bambino era stato colpito al cervello dal virus.