SAREZZO – Famiglia, scuola e ragazzi in “rete”. Progetto di educazione con il Comune

0

L’assessorato ai Servizi sociali del Comune di Sarezzo anche quest’anno organizza il progetto “Famiglia, Scuola, Ragazzi: una rete di alleati 2.0” che promuove già da alcuni anni con l’istituto comprensivo “Giorgio La Pira” e l’associazione di promozione sociale “Genitori si cresce”. Il progetto è finanziato dal Fondo Genesi della Comunità Bresciana insieme al Comune, dalla stessa associazioni e dai comitati dei genitori delle scuole elementari. Sono previste diverse azioni e coinvolti sia i ragazzi, sia gli adulti di riferimento, nell’imparare lo “stare bene insieme”. Il progetto vuole promuovere il benessere dei ragazzi e delle famiglie per prevenire il disagio con interventi che cercano di diffondere buone pratiche relazionali in tutti gli ambiti della vita e in ogni fase della crescita.

L’obiettivo è realizzare esperienze di connessione tra le famiglie, gli educatori e gli insegnanti per sviluppare una sinergia educativa e sviluppando sul territorio un lavoro “in rete”. Tra le iniziative previste, si parte giovedì 25 febbraio alle 20,30 nell’auditorium della scuola media “La Pira” per il teatro forum per genitori “Vittime e prepotenti, bulli si nasce o si diventa”. E’ un incontro di “riflessione educativa” a favore dei genitori sul tema del bullismo nelle relazioni a scuola e nel tempo libero e con particolare riferimento al ruolo educativo dell’adulto. Si prosegue mercoledì 9 marzo alle 20,30 al teatro San Faustino per la serata a tema “Genitori…e il carattere dei figli” che vedrà come relatore lo psicologo e psicoterapeuta Osvaldo Poli.

Poi mercoledì 16 marzo alle 20,30, nell’auditorium della biblioteca del Bailo, ci sarà un incontro con Flavio Ravasio, psicologo clinico dell’età evolutiva, famiglia e relazioni interpersonali, sul tema “Autostima da 0 a 18 anni-Il compito di genitori e insegnanti”. Poi lunedì 11 aprile, sempre alle 20,30, nell’auditorium della scuola “La Pira” è previsto un incontro con Domenico Geracitano, collaboratore tecnico capo della Polizia di Stato e presidente dell’associazione “Per una vita migliore” sul tema dell’utilizzo dei social network e internet.

“L’amministrazione comunale ha scelto di agire nel pieno rispetto e in collaborazione con le agenzie educative esistenti, prima fra tutte la famiglia, ed è consapevole della propria responsabilità nel concorrere allo sviluppo ed alla crescita di una comunità educante – dice l’assessore ai Servizi sociali Donatella Ongaro – nella quale i ragazzi sono risorse preziose e possono diventare protagonisti del proprio ‘stare bene’. È importante che i ragazzi possano crescere e maturare a contatto con persone motivate, che vivono nella quotidianità l’impegno e l’entusiasmo di poter essere per loro genitori, insegnanti ed educatori”.