DESENZANO – Desenzano, per trent’anni incassa l’assegno sociale. Ma è in Turchia. Due denunciati

0

Per oltre trent’anni ha continuato a percepire l’assegno sociale, ma non aveva diritto. La scoperta è stata fatta dalla Guardia di Finanza di Desenzano del Garda durante una serie di verifiche contabili. Un uomo aveva mantenuto la residenza nella città gardesana, ma in realtà si era trasferito nel 1979 in Turchia.

La legge in materiale di previdenza sociale prevede che si possa introitare l’assegno solo se si è residenti in Italia, mentre il cittadino in questione si era di fatto spostato all’estero, mantenendo come punto fittizio e di riferimento Desenzano. Il caso ha portato alla denuncia di due persone, cioè l’uomo e la sorella, per indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato e ricettazione.

E’ stata una semplice verifica tra la banca dati dell’Inps, l’anagrafe tributaria e il destinario del contributo a sollevare la situazione. I finanzieri sono risaliti così a due libretti di risparmio. In uno, intestato a entrambi, arrivava l’assegno sociale e nell’altro, della sorella, giungevano i prelievi dal primo rapporto.

La procura di Milano ha sequestrato in via preventiva e d’urgenza i due libretti e fatto bloccare lo stanziamento dell’assegno. Sono stati recuperati circa 24 mila euro dell’importo totale di 28 mila.