BRESCIA – Brescia, “settimana bianca” in montagna. Le vittime delle truffe sulle case in affitto

0

Case di montagna disponibili in affitto su un sito internet per il periodo di Capodanno e della “settimana bianca”, i primi contatti per poterle usare durante le vacanze e persino la caparra per prenotarle. Poi l’amara sorpresa, quando bisogna contattare i proprietari per definire l’orario in cui si arriva. E la truffa è servita. Nel bresciano, secondo quanto scrive il Giornale di Brescia, sono stati segnalati almeno tre episodi del genere. Il primo ha coinvolto una comitiva di una decina di trentenni che voleva passare qualche giorno a La Villa, in Badia.

Dopo aver notato un’offerta su un portale web, hanno contattato il riferimento (fasullo) per avviare la trattativa e definire il tutto. Si sono fatti inviare il contratto compilato in cambio di 500 euro di anticipo, ma in questi giorni non sono più riuscire a parlare con il finto proprietario. Al contrario, sono arrivati fino a quello vero che ha spiegato loro di non saper nulla delle proprie abitazioni messe in affitto. Così i clienti sono dovuti rimanere in città. Nella stessa trappola sono finite anche due famiglie bresciane con bambini che volevano andare a San Martino di Castrozza.

Ma sono rimasti truffati dopo aver pagato una quota, poi risultata perduta e finita nelle mani del malvivente. Un altro episodio ha riguardato alcuni amici intenti a passare le vacanze ad Aprica, ma anche per loro niente neve e nemmeno Valtellina. Tutte truffe andate a segno nel momento in cui qualcuno assume l’identità di proprietari di case a loro insaputa, concedendole in affitto. E quando chiedono una somma di denaro in anticipo, finisce sempre su codici Iban intestati a carte di debito e postali. Quindi difficili da scovare.