Odontoiatria, ricerca di San Rocco di Ome e San Raffaele di Milano premiati da Stati Uniti

0

Il premio “William R. Laney Award” è stato assegnato ai ricercatori dell’ospedale San Raffaele di Milano e della clinica San Rocco di Ome. Un riconoscimento per le unità di odontoiatria milanese e dell’istituto bresciano premiate per uno studio prospettico condotto su riabilitazioni full-arch implanto supportate. Il premio, assegnato dall’Academy of Osteointegration (AO) degli Stati Uniti, rappresenta il più prestigioso premio internazionale nell’ambito dell’implantologia. La premiazione ufficiale è in programma in febbraio a San Diego, in California.

Lo studio, pubblicato sull’International Journal of Oral and Maxillofacial Implants e condotto da quattro autori docenti del corso di laurea di Odontoiatria e Protesi Dentaria dell’Università Vita-Salute San Raffaele (Roberto Crespi, Paolo Capparé, Giorgio Gastaldi ed Enrico Gherlone, coordinatore della ricerca) ha analizzato il follow-up a otto anni di riabilitazioni implanto protesiche a carico immediato su 192 impianti, confrontando le protesi avvitate e le protesi cementate. Dai risultati è emerso che in entrambi i gruppi il successo e la sopravvivenza implantare sono stati elevati, senza differenze statisticamente significative, dimostrando così la validità del protocollo utilizzato e la predicibilità del risultato.

Tale premio costituisce un’ulteriore conferma del riconoscimento a livello internazionale della particolare esperienza e qualità clinica del Dipartimento di Odontoiatria del San Raffaele diretto da Enrico Gherlone e dell’ambulatorio di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale della San Rocco diretto da Giorgio Gastaldi. Un ambulatorio, quest’ultimo, divenuto ormai un punto di riferimento per i pazienti del bresciano e che, proprio grazie alla recente convenzione siglata con l’Università Vita e Salute del San Raffaele di Milano, ha ulteriormente affinato la qualità del servizio erogato offrendo, nel contempo, al proprio personale un’occasione formativa unica in ambito di ricerca scientifica con un interscambio continuo tra medici e operatori sanitari.