LUMEZZANE – Rugby serie A, Patarò batte Torino al Rossaghe. E’ terzo in classifica

0

Lumezzane (Bs) stadio Rossaghe – domenica 13 dicembre 2015

Patarò Lumezzane vs Conad Reggio 54-7 (pt28 -0)

Marcatori: P.t: 5’ c.p. Faralle (3-0); 8’ c.p. Faralle (6-0) 11’ mnt Gustinelli (11-0); 14’  c.p. Faralle (14-0);  23’ m Masgoutiere tr. Faralle  (21-0);  28’ m Faralle tr. Faralle (28 -0); St: 14’ m Ursache tr. Cremonini (28 – 7); 19’ m Masgoutiere tr. Faralle (35 -7); 26’ m Salvi tr.  Faralle (42-7); 30’ mnt Scotuzzi (47 – 7); 38’ m Masgoutiere tr Faralle (54 -7);

Patarò Lumezzane: Masgoutiere; Apostoli (1’ st Savardi) , Raza, Locatelli (20’ st Zaffino), Gustinelli (2’ st Menta), Faralle, Canale (1’ st Giallongo); Cattina, Rizzotto (29’ st Pasotti), Rossetti; Scotuzzi, Cuello (14’ st Salvi); Piciaccia  (14’ st Magli), Zoli (24’ st Gennari), Aluigi. Allenatore: Michael Gosling

Cus Torino: Dezzani; Bellora, Alessandrini, Spalviero (20’ st Gattiglio), Nardi, Cremonini, Monfrino; Perrone, Spinelli (34’ st Toresi), Alparone (17’ st Modonutto); Ursache, Malvagna (29’ st Polla); M. Racca, N. Racca, Friggeri (17’ st Martina ). A disposizione: Fatica, Morlino. Allenatore: D’Angelo

Arbitro: Cesare Onori

Ammonizioni: 38’ pt giallo Friggeri (Torino);  39’ pt  rosso Aluigi (Lumezzane)

Calci: Faralle (Lumezzane)  c.p 3/3; tr 5/7; Cremonini (Torino) tr 1/1

Punti in classifica: Lumezzane 5, Torino 0

Nuova rinascita per il Patarò Lumezzane che sul sintetico del Rossaghe stende Torino per 54 -7 riprendendosi il terzo posto della classifica, l’ultimo che consente di schivare il pericolo retrocessione già al termine della prima fase del campionato di Serie A.

I valgobbini hanno preso spunto dalla corazzata che domenica scorsa gli ha inflitto la peggiore sconfitta degli ultimi tre anni, Reggio Emilia,  ed hanno strapazzato Torino senza alcuna pietà, anche se costretti a giocare con un uomo in meno per tutta la ripresa. Nonostante l’espulsione definitiva del pilone Aluigi – punito dall’arbitro per via di un non richiesto commento alla direzione di gara- i padroni di casa sono riusciti ad alzare il ritmo e a infliggere l’ennesima pesante sconfitta all’ultima formazione della classe. Se nel primo tempo i valgobbini hanno messo a segno 3 marcature, nella ripresa ne hanno realizzate ben 4. A guadagnarsi l’appellativo di meta – man della giornata è l’estremo Masgoutiere,  che al rientro da un lungo infortunio ha realizzato una tripletta.

“ Sono molto soddisfatto della partita, soprattutto del secondo tempo – commenta coach Gosling – . I ragazzi hanno alzato il ritmo e hanno marcato ben 4 mete, nonostante fossero in 14. I giocatori che sono rientrati dagli infortuni hanno fatto molto bene e abbiamo fatto la differenza in tutti i reparti. Sono dispiaciuto solo  per il cartellino rosso che ci costringe a fare a meno di Aluigi nella partita che deciderà il nostro futuro: quella della prossima domenica con Verona. Dobbiamo concentrarci su quel match: la possibilità di salvarci in anticipo è nelle nostre mani e non dobbiamo farcela sfuggire. I veronesi hanno un giorno più per recuperare, avendo giocato l’altro ieri,  noi dovremmo affrontare questa settimana con grande impegno e attenzione. “

Cronaca – I primi punti del match portano la firma del più che mai cecchino Faralle, che ha centrato due punizioni tutt’altro che semplici, al 5’ e all’ottavo minuto,  permettendo ai compagni di distendersi e di osare. A soli 11 minuti dall’avvio arriva la prima meta della giornata, siglata dall’ala Gustinelli alla bandierina grazie ad una velocissima trasmissione dell’ovale. Faralle non trova la trasformazione, ma si fa perdonare poco più tardi centrando ancora le acca dalla piazzola. Neanche una manciata di minuti ed è arrivata un’altra marcatura. A schiacciare tra i pali, dopo aver sbeffeggiato a suon di finte tre rivali, è Masgoutiere.  Al 28’ tocca a Faralle stordire gli avversari per oltrepassare la linea bianca e siglare il  parziale di 28-0 su cui si  chiude il primo tempo.

L’espulsione definitiva di Aluigi non cambia le sorti di un match che i valgobbini continuano a dominare, nonostante al 14’ del secondo tempo Torino sembra risvegliarsi con la marcatura siglata  da touche da capitan Ursache. Un assolo isolato che non preoccupata i padroni di casa: al 19’ arriva il bis di Masgoutiere, 5 minuti più tardi la new entry Salvi sfonda di prepotenza la difesa, come farà al 30’ il seconda linea Scotuzzi. Prima dello scadere è ancora Masgoutiere a segnare e a prendersi gli applausi del pubblico. Un lungo  monologo da applausi ed il giusto preludio agli ottanta minuti che valgono una stagione: quelli da disputare domenica prossima a Verona. In palio c’è la salvezza.