VALCAMONICA – Lozio e Paspardo, ponte dell’Immacolata tragico per due escursionisti

0

Nel ponte dell’Immacolata i monti della Valcamonica sono stati teatro di due tragici infortuni che hanno coinvolto due 52enni. Le vicende sono molto simili tra loro, sia per l’età, ma anche la Franciacorta come provenienza e la compagnia di un amico sul posto. Il primo episodio si è verificato domenica sul monte Colombé di Paspardo. Giuseppe Moraschi, residente a Capriolo, era salito con un amico sulla vetta per un’escursione.

Quando ha raggiunto una certa altezza e con uno sfondo suggestivo, si è fatto persino scattare una foto da inviare poi alla propria famiglia per far condividere la posizione di quel momento. Nel momento in cui è iniziato il percorso di rientro, Moraschi è scivolato sull’erba asciutta ed è finito contro un piccolo dosso che ha fatto da trampolino. Così è precipitato per circa 200 metri in un canale più a valle.

I tecnici del soccorso alpino, allertati sul posto, non hanno potuto fare altro che recuperare il corpo senza vita dell’uomo, poi portato all’ospedale di Esine per tutti i test medico legali. L’uomo avrebbe compiuto 53 anni il 18 dicembre e festeggiato la laurea della figlia. Invece, è finita in tragedia e oggi si sono svolti i funerali.

L’altra vittima è Paolo Briola, 52enne di Erbusco, che ieri ha raggiunto in auto Lozio in compagnia di un’altra persona e poi sono proseguiti a piedi fino alla Bacchetta. L’uomo ha poi perso l’equilibrio ed è caduto per un centinaio di metri. Anche nel suo caso il soccorso alpino ha potuto solo recuperare il cadavere, poi condotto all’ospedale di Esine per gli accertamenti di rito. Due vittime di altrettanti disgrazie.