Brescia, da Palazzani a Zampaglione, la storica Mirabella Millemiglia cambia guida

0

Passaggio di consegne per la Mirabella Millemiglia, la più vecchia scuderia di Brescia, nata nel 1953 e fino a qualche anno fa protagonista nelle corse di tutta Italia. Vittorio Palazzani, storico presidente che oggi compie 77 anni, ha passato il testimone a Luigi Zampaglione, “il notaio volante” che, già referente per la sezione “Historic” dell’antica scuderia, ha deciso con un gruppo di amici appassionati di rally storici e moderni di riportare in auge il vecchio sodalizio, raccogliendo una nuova sfida.

Palazzani rimarrà presidente onorario del gruppo che ha mantenuto in vita con la passione e dedizione insieme a un nucleo ristretto di bresciani che hanno avuto nel cuore l’amore per le auto e per le competizioni. Tra questi, alla serata di presentazione, anche Sandro Ghidini, storico segretario della Mirabella Millemiglia negli anni dei grandi risultati ottenuti nei rally. “Palazzani – ha ricordato Zampaglione – vuole far continuare la storia della sua amata scuderia, consapevole che i tempi sono cambiati e che non si può immaginare di ripetere le stesse attività che hanno portato la scuderia sugli onori della cronaca sportiva automobilistica”.

Sulla base di questo, Zampaglione ha presentato un programma che prevede la manifestazione “Mirabella in pista” all’autodromo di Franciacorta, l’organizzazione di un team per fare gare anche oltre confine e partecipare alle più belle gare italiane. “Penso a un corso per piloti all’autodromo per fare appassionare anche i nostri figli a questo sport e far aumentare la capacità di guida. Quello che, invece, non potremo fare rispetto al passato è dare un aiuto effettivo ai piloti emergenti.

Le difficoltà economiche che sentiamo, ci impediscono di dare un aiuto economico concreto ai soci e ai giovani promettenti della nostra provincia. Potremo però segnalare, alle aziende legate ai nostri soci, i piloti più meritevoli e poi valuteranno loro se aiutarli”. Tra i presenti, anche Luciano Dal Ben, pilota ancora in attività e segretario per qualche anno, Enzo Cibaldi socio storico e un gruppo di circa trenta piloti e appassionati che formano la base per assicurare la rinascita.