RODANO (MI) – Gioielliere uccide ladro entrato nella sua villa. Bandito aveva ferito a morte a Brescia

0

C’entra anche Brescia nell’uccisione di Valentin Frrokaj, il malvivente 37enne albanese che ieri sera, martedì, intorno alle 21 è stato colpito da un commerciante dopo aver tentato una rapina in villa. Il padrone di casa, Rodolfo Corazzo di 59 anni, titolare di un negozio di gioielli di lusso, secondo la ricostruzione, era appena entrato attraverso il cancello di casa e avrebbe sentito alcuni individui mentre lo seguivano. Teatro dell’episodio è la sua villa a due piani in via Matteotti a Lucino, frazione del paese milanese.

A un certo punto, quando è entrato in casa, sarebbe stato sorpreso dalla presenza di tre ladri, di cui Frrokaj, che avrebbero minacciato l’uomo, la moglie e persino la figlia di 10 anni. I malviventi avrebbero poi colpito l’uomo e rinchiuso la famiglia in una stanza. Poi ci sarebbe stato uno scontro a fuoco e il padrone di casa ha sparato colpendo il 37enne albanese che è rimasto privo di vita a terra. Sulla vicenda indagano i carabinieri, mentre la Procura di Milano potrebbe archiviare il caso per legittima difesa.

Il bandito ucciso era considerato dagli inquirenti un pericoloso criminale, legato a varie bande di ladri e protagonista di due evasioni da altrettanti carceri. A Brescia, nel 2007, aveva ucciso a coltellate un connazionale e per quel gesto era stato condannato all’ergastolo. Era stato quindi preso e condotto dietro le sbarre per due volte, prima a Parma nel 2013 e poi a Palermo nel 2014, ma era sempre uscito.

Nel suo ultimo episodio violento che l’ha coinvolto ieri sera si è presentato con il passamontagna e guanti, ma è rimasto vittima. Gli inquirenti stanno cercando gli altri due complici che avrebbero raggiunto la villa con Frrokaj a bordo di un’auto, forse la stessa che era stata rubata a Brescia.