VALTROMPIA – Violenza sulle donne tra fiaccolata, spettacolo, “VivaVittoria” e sportello in Civitas

0

Vanno avanti in Valtrompia le iniziative delle commissioni di Pari opportunità del Comune di Sarezzo, Gardone Valtrompia e Lumezzane contro la violenza sulle donne. Il prossimo appuntamento sarà martedì 24 novembre alle 19 con una fiaccolata per dire “no” alla violenza. Il ritrovo sarà alle 19 in piazza Canossi di Ponte Zanano per i cittadini di Sarezzo, alla sede della Comunità montana per quelli di Gardone e nel piazzale Pomeda della Val di Sarezzo per i residenti a Lumezzane. I cortei partiranno nell’arco di mezzora e arriveranno alle 20,30 in piazza Cesare Battisti a Sarezzo con il saluto delle autorità.

Alle 21 ci sarà lo spettacolo teatrale “Centotrentasette” con il testo e regia di Marisa Veroni e in programma al teatro San Faustino di Sarezzo, con ingresso libero. “137 è il numero delle donne uccise in Italia nel 2012: nel nostro Paese ogni due giorni ne viene assassinata una. Nel mondo ogni 8 minuti una donna viene ammazzata. È una tragedia terribile che semina ovunque lutti e dolore e che nasce soprattutto nelle case, nelle famiglie, nel luogo che dovrebbe essere il più sicuro e il più protetto e invece è il più pericoloso.

Essere donna ancora oggi non è facile, perchè si tende a negare che la violenza, nelle sue molteplici forme, esiste. Reagiamo a questo scempio. Denunciamo con forza ciò che accade nell’oscurità. La dignità della donna è un bene che va tutelato e difeso per rendere il mondo migliore”. Mercoledì 25 novembre, invece, le delegazioni delle tre commissioni si troveranno in piazza Vittoria a Brescia per “VivaVittoria”.

Infine, la Comunità montana della Valtrompia con la Casa delle Donne inaugureranno sabato 28 novembre alle 11, nella sede di Civitas in via Matteotti 299 a Gardone, lo sportello contro la violenza sulle donne “VivaDonna”. All’evento ci saranno il presidente della Comunità montana Massimo Ottelli, l’assessore ai Servizi sociali dell’ente Mario Folli, la presidente della Casa delle Donne Piera Stretti, il presidente di Civitas Riccardo Frati e un delegato dell’Asl.