VALCAMONICA – Decine di furti in casa e fuga sulla ciclabile, in manette quattro rumeni

0

I carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Breno hanno arrestato quattro cittadini rumeni accusati di aver commesso almeno una quarantina di furti negli appartamenti tra Darfo Boario Terme, Breno e Cividate, in Valcamonica. I militari sono riusciti a intercettarli sabato scorso in una casa di Cividate Camuno dove hanno trovato gioielli, abiti, materiale hitech e attrezzi vari per un valore di 50 mila euro. Tutti oggetti che probabilmente avrebbero voluto vendere in Romania. Per loro è scattato lo stato di fermo.

Erano sempre riusciti a evitare i controlli dei carabinieri e polizia sulle strade perché percorrevano la pista ciclabile. Secondo l’accusa formulata dal pubblico ministero di Brescia Paolo Savio che ha aperto un fascicolo sul caso in cui i quattro sono coinvolti per ricettazione, i quattro, senza fissa dimora, avrebbero progettato i colpi nelle case di due bresciani. Questi ultimi, infatti, sono stati denunciati per favoreggiamento.

Proprio nelle abitazioni la banda guidata da un rumeno 30enne, espulso alcuni mesi fa dalla prefettura di Latina e poi rientrato in modo irregolare in Italia, avrebbe organizzato i colpi scegliendo le case più vicine alle ciclabili. In questo modo, dopo aver commesso i furti, avrebbero raggiunto le vie pedonali a piede, in bicicletta o in moto riuscendo a scappare. Anche il furto commesso nella chiesa di Santa Maria Nascente a Berzo Inferiore sarebbe imputato alla banda.