COLLEBEATO – “Mangiare bene mangiando sano”, conferenza con lo chef Luca Barbieri

0

Giovedì 19 novembre a Collebeato, nell’hinterland bresciano, si terrà un incontro sul tema “Mangiare bene mangiando sano, la cucina lineare metabolica” con lo chef Luca Barbieri. La serata è organizzata dalla Pro Loco con il patrocinio dell’amministrazione comunale nella Sala del Camino di Palazzo Martinengo dalle 20,30. Lo chef Luca Barbieri è un ricercatore e studioso affermato sulla cucina del benessere e delle intolleranze alimentari, sperimentando e realizzando, con prodotti di importanti aziende specializzate, ricettari che indicano il corretto utilizzo degli stessi.

Dal 2013 collabora come consulente tecnico per i regimi dietetici speciali e la nutrizione clinica all’Unità dipartimentale di dietetica e nutrizione clinica degli Spedali Civili di Brescia diretta da Claudio Macca. Nel 2007 presenta il libro “Semplicemente cucina, regimi dietetici speciali no glutine”, frutto di una lunga sperimentazione sui prodotti senza glutine. Nel 2009 allo Sporting di Monte Carlo gli viene conferito il “Grand Cordon d’Or de la Cuisine Francaise”, riconoscimento internazionale attribuitogli per i meriti professionali acquisiti grazie all’impegno costante nel campo della sperimentazione culinaria e nella ricerca delle tecniche di lavorazione, cottura e conservazione degli alimenti applicate alla cucina del benessere e a quella dedicata alle intolleranze alimentari.

A Milano è stato insignito della “Maestria dell’Associazione Professionale Cuochi”. A novembre ha ricevuto il titolo di “Maestro di Cucina” e l’ambito riconoscimento internazionale dei “Discepoli di Auguste Escoffier” a coronare una carriera sempre dedicata alla ricerca e alla sperimentazione. Nel 2010 ha pubblicato “Atlhetic Culinary Book”, un testo innovativo nel quale vengono proposte una serie di ricette dedicate agli atleti e a tutti quelli che tengono in modo particolare alla forma fisica. Importante è la collaborazione come consulente per lo sviluppo delle ricette e delle tecniche mirate alla cucina del benessere e delle intolleranze alimentari. Nel 2011 pubblica “Progetto no glutine”, ricettario di rivoluzionaria concezione realizzato per far fronte alle esigenze delle massaie e dei professionisti, un’opera contenente i risultati delle ricerche condotte dallo chef Barbieri e tecniche evolute di facile realizzazione.

Questa raccolta darà corpo a un nuovo innovativo testo mirato proprio alle preparazioni prive di glutine. Nel 2012 presenta, dopo anni di studi e ricerche, una filosofia culinaria molto apprezzata dai più competenti rappresentanti della Scienza Medica nonché dalla Scienza dell’Alimentazione e Tecnologia alimentare : la “Cucina Lineare Metabolica, prevenzione, cura e salute”. Ricerche, sperimentazioni, tecniche e ricette, indicate per diverse patologie, intolleranze alimentari, sviluppate anche con le tecniche evolute di cottura e conservazione con il sottovuoto. E’ Claudio Macca a condividerne e validarne per primo i concetti creando il manifesto ufficiale e il principio scientifico della Cucina Lineare Metabolica.

A incrementare il successo e l’autorevolezza a livello scientifico c’è la Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori dopo aver sottoposto il lavoro dello chef Barbieri al comitato scientifico e i concetti della Cucina Lineare Metabolica scrivendone anche una validazione e concedendo l’utilizzo del logo ufficiale. Nel 2013 presenta il suo quarto libro “Progetto no glutine, le intolleranze in tavola”. L’opera definita dagli addetti ai lavori un “master”. Il lavoro è frutto di sei anni di ricerca, documentazione e sviluppo per dare una giusta identità agli alimenti privi di glutine. A giugno dello stesso anno lo chef bresciano firma il suo quinto libro “I gruppi sanguigni in tavola, ad ognuno il suo”.

A settembre termina e presenta il suo sesto lavoro letterario, scritto a quattro mani con Claudio Macca, “Metabolicamente, tra scienza e gastronomia, tecniche e ricette per la dialisi peritoneale”. In fase definizione il nuovo programma tecnico pratico di docenza dello chef “I colori della metabolica” suddiviso in tre segmenti: il primo dedicato alla ristorazione, il secondo alla nutrizione clinica e il terzo per quelli che cucinano tra le mura domestiche. Nel 2014 è nominato segretario del comitato tecnico scientifico di Cucina Lineare Metabolica.