MARCHENO – Bozzoli, interrogata la moglie. Ghirardini chiamò otto volte l’ex moglie in poche ore

0

Pochi sviluppi sul fronte delle indagini, ma alcune novità di rilievo emergono dal mistero della scomparsa dell’imprenditore di Marcheno Mario Bozzoli. Le ricerche dell’esperta Cristina Cattaneo con le unità cinofile, vigili del fuoco e scientifica dei carabinieri vanno avanti senza sosta, ma ancora non è stata trovata alcuna traccia dell’uomo sparito. Le analisi stanno riguardando i sacchi di scorie industriali presenti sul posto, mentre prima di controllare l’interno del forno bisogna aspettare la deposizione della relazione dell’esperto metallurgico Cesare Cibaldi.

Insieme ai risultati degli esami tossicologici e dell’autopsia disposti sul corpo di Giuseppe Ghirardini, l’operaio trovato morto domenica 18 ottobre a Ponte di Legno. Per quanto riguarda gli sviluppi delle ultime ore, ieri la moglie di Mario Bozzoli, Irene Zubani, è stata interrogata per alcune ore dal pubblico ministero Alberto Rossi titolare del fascicolo ancora attivo per sequestro di persona. La donna, che intanto si è affidata al nuovo avvocato Vanni Barzellotti dopo la rinuncia del legale Patrizia Scalvi, ha dovuto rispondere alle domande sui presunti dissidi tra il marito e il fratello Adelio e i nipoti.

Frasi scritte nero su bianco nel verbale di denuncia della scomparsa ai carabinieri di Tavernole. In cui si parla anche della paura che Bozzoli avrebbe avuto persino per i figli, forse per il clima che si respirava in azienda, alla luce anche della nuova sede aperta a Bedizzole da Adelio. L’altra novità arriva dal sud America. L’ex moglie di Ghirardini, che abita con il figlio di 7 anni avuto dall’uomo, si è affidata a un legale per chiedere chiarimenti sulla morte dell’ex marito. Dovrebbe rientrare in Italia per i funerali del 50enne, ma ha avanzato l’istanza di essere sentita dalla procura. Intanto, è emerso come la donna abbia ricevuto otto chiamate nelle ore precedenti alla scomparsa dell’operaio. Non aveva risposto perché uscita di casa senza il cellulare.

Poi quando lo ha contattato non è più riuscita a sentirlo. Non si potrà mai sapere perché Ghirardini abbia voluto chiamare così spesso l’ex moglie. Forse aveva visto qualcosa, legato magari alla vicenda di Bozzoli, e voleva confidarsi con la donna, forse per avere consigli. La 42enne straniera, separata dal 2011, sta avviando i preparativi per tornare in Italia e capire cosa sia successo. I rapporti con l’operaio erano tranquilli, tanto che l’uomo aveva avuto il benestare della donna per rivedere il bambino a dicembre, ma non potrà più farlo. Dell’operaio non è stato ancora trovato nemmeno il cellulare che potrebbe contenere indizi importanti. Foto tratta dal Corriere.it