Rugby serie A, Patarò si infrange sul Reggio. Finisce 16-43

0

TABELLINO

Patarò Lumezzane vs Conad Reggio  16- 43   (pt.  9-28 )

Marcatori: p.t. 2’ cp. Faralle (3-0); 9’ cp. Farolini (3-3); 8’ mnt. Mandelli (3- 8); 16’ cp. Faralle (6-8); 21’ cp. Farolini (6-11); 28’ mnt. Ciju (6 – 16); 33’ m. Mandelli tr Farolini (6-23); 38’ cp. Faralle (9-23); 40’ mnt. Ciju (9-28). s.t. 2’ cp. Farolini (9-31); 22’ m. Aluigi tr Faralle (16-31); 32’ mnt Farolini (16-36); 40’ m. Torri tr Farolini (16 – 43).

Patarò Lumezzane: Cosio (23’ Savardi); Zaffino, Franceschini, Locatelli, Giustinelli; Faralle, Giallongo (15’ st Scaramella) ; Bellandi, Pagani (1’ st Coraci) (23’ st Menta), Rizzotto (24’ pt Rossetti); Cuello (cap.), Montini (38’ pt Zaina); Piciaccia, Zoli (24’ st Gennari), Aluigi. A disp: Coraci, Gennari, Menta, Apostoli, Rossetti, Zaina. All. Gosling

CONAD Reggio: Farolini; Garulli (2’ st – 8’st Lanzano) (10’ st Masini), Daupi, Ferrari (31’ st Maghenzani), Ciju; Torri, Cazenave (cap) (31’ st Bricoli); Bergonzini (19’ st Rimpelli), Mandelli, Dell’Acqua; Du Preez, Devodier (1’ st Mannato); Redolfini (17’ st Fiume), Manghi (17’ st Gatti), Quaranta (10’ st Lanzano). All. Manghi-Signorini

Arbitro Boraso

Ammonizioni: 31’ pt giallo Zaffino (Lumezzane), 37’ pt giallo Quaranta (Reggio), 37’ pt giallo Cuello (Lumezzane).

Calci: Faralle cp 3/3  tr 1/1 drop 0/1 (Lumezzane), Farolini cp 4/4 tr 2/6 (Reggio)

Punti in classifica: Lumezzane 0,  Conad Reggio 5

Ambiziosi, prepotenti, massicci e ben attrezzati. Si presentano così i  diavoli della Conad Reggio sul sintetico del Rossaghe, togliendo la scena e la gloria ai padroni di casa del Patarò Lumezzane. La sfida tra il XV di Gosling e quello dell’ex dirigente delle Zebre Manghi si decide dopo soli 40 minuti di gioco. Questo è il tempo impiegato dagli ospiti per conquistare la vittoria, corredata dal punto di bonus offensivo, e la leadership del secondo girone della serie A. Il Reggio s’impone facendo leva sul fisico da professionisti dei propri giocatori, capaci di vincere ogni confronto individuale con i valgobbini e di guadagnare con ammirabile costanza la linea del vantaggio.

Uno stile di gioco poco spettacolare, ma brutalmente efficace, contraddistingue una formazione che sembra destinata a dominare la prima fase del campionato. I valgobbini scendono in campo decisamente più motivati e concentrati rispetto alla scorsa domenica, ma riescono a contenere le furiose incursioni degli ospiti solo per i primi 20 minuti. Dopodiché – complice anche il cartellino giallo rimediato dall’ala Zaffino –  il XV ospite mette la freccia, sorpassa e poi controlla il risultato.

La Cronaca. L’avvio dei valgobbini è promettente: al 2’ minuto di gioco la prima incursione nell’area dei 22 del Reggio porta i primi tre punti del match, realizzati dalla piazzola dall’apertura Faralle. Immediata la replica degli ospiti, che al 7’ pareggiano con il calcio piazzato infilato tra i pali da Farolini.  Due minuti più tardi, il terza linea bresciano Roberto Mandelli punisce una distrazione della difesa rossoblù con la prima segnatura di giornata

. Faralle accorcia dalla piazzola, ma al 28’ l’ala Ciju vince il confronto con il diretto rivale e marca alla bandierina. Con un giocatore in meno, l’espulso Zafffino, il Patarò fatica ad arginare il prepotente e costante avanzamento degli avversari e incassa le due segnature del ko: a fare il bis sono proprio Mandelli e Ciju. Il XV di casa risponde ancora dalla piazzola con Faralle, ma le lunghezze da recuperare nella ripresa diventano troppe.

Il Reggio va al riposo avanti nel punteggio per 28 – 9 e comincia il secondo tempo infilando altri 3 punti dalla piazzola con Farolini. Il Lumezzane prova ad approfittare del comprensibile calo di concentrazione avuto dagli ospiti, attaccando con coraggio, ma non riesce a impensierire una difesa lucida e solida. Ai valgobbini non resta che sfoggiare il marchio di fabbrica, la maul da rimessa laterale, per violare la linea di meta avversaria al 22’: firma l’unica marcatura di giornata, la prima della stagione, il pilone Aluigi.  Il finale è ancora un monologo emiliano: prima del triplice fischio gli ospiti colpiscono con l’estremo Farolini e l’apertura Torri.

Un match intenso e duro dal punto di vista fisico che lascia parecchi strascichi: Rizzotto, Pagani e Montini sono infatti costretti a lasciare il campo prima del triplice fischio per recarsi in ospedale. Cattive notizie in vista del prossimo match – da prendere come uno scontro diretto in chiave salvezza – con il Cus Torino.

“Sono orgoglioso dei miei giocatori perché hanno giocato con coraggio contro una squadra attrezzata per andare in Eccellenza – commenta coach Gosling – . Sul piano del fisico abbiamo subìto parecchio, ma in mischia e in rimessa laterale è andata molto bene, siamo riusciti anche a metterli in difficoltà in qualche occasione. Finché abbiamo placcato in maniera efficace siamo riusciti a restare in partita, guadagnando anche tre calci di punizione. Nel secondo tempo è mancata un po’ di attenzione in fase difensiva, i placcaggi sono stati meno precisi ed abbiamo faticato di più”. Foto tratta dalla GazzettadiReggio.it