Motori. Mondiale Supersport, Zanetti chiude la stagione al terzo posto

0

Missione compiuta per il valgobbino Lorenzo Zanetti (MV Agusta), terzo alla fine di una gara entusiasmante. Per due giri l’ha visto anche in testa, ma sul rettilineo finale, per uno scarto del pilota turco Kenan Sofoglou, è stato costretto a una frenata improvvisa che poteva anche concludersi con un volo a 300 chilometri all’ora. Zanetti ha mimato sul palmo della mano il segno della firma: per lui, infatti, il terzo posto di ieri vuol dire anche il terzo nel mondiale e il rinnovo automatico del contratto con MV Agusta.

“Ora vedremo dove e con chi correrò, ma sicuramente la firma sul contratto ci sarà – dice il pilota di Lumezzane.- Sono partito carichissimo, anche se avevo tribolato molto in tutto il fine settimana. Ho dato il 110% e alla fine pensavo più a guardare il vantaggio che avevo sul quarto che a pensare ad andare a vincere. Penso però che avrei potuto tentare di farlo. Dopo la prima gara con un primo e secondo, abbiamo avuto difficoltà tutto l’anno. Ringrazio però il team che ha fatto di tutto per superarle.  Correre così è frustante, ma c’è l’ho messa tutta per me e per loro”.

Sull’episodio accaduto sul rettilineo finale Zanetti è lapidario prima di andare a festeggiare con il suo team. “Non è stato un gesto voluto, ma se non avessi avuto il parafreno, avrei rischiato di ribaltarmi sul rettilineo finale”. Che il pilota lumezzanese fosse molto concentrato, si è visto fin dalla partenza, normalmente il suo tallone d’achille: da sesto a quarto nella prima curva e terzo a fine del primo giro. Si è visto ieri come Zanetti sia un pilota estremamente motivato in una gara vitale per recuperare i punti.

L’aggressività del pilota non si concretizza però durante tutto l’anno: certe volte Zanetti diventa strepitoso, ma lo fa troppe poche, mentre se fosse al contrario, sarebbe un osso duro anche per il campione del mondo Sofoglou. In pratica, con la costanza durante tutto anno potrebbe lottare per il titolo finale. L’ultima gara del mondiale Supersport è stata vinta dal britannico Kyle Smith con Honda: un buon viatico per un pilota senza contratto per il 2015.