PONTE DI LEGNO – Caso Bozzoli, trovato morto l’operaio. Vicino a torrente

0

E’ stato ritrovato morto a Ponte di Legno, in Valcamonica, Giuseppe Ghirardini di 50 anni, l’operaio della fonderia Bozzoli Srl di via Gitti a Marcheno e il cui titolare è scomparso da giovedì 8 ottobre. Il corpo senza vita di Ghirardini è stato trovato nel primo pomeriggio di domenica intorno alle 14 sugli argini di un torrente in località Case di Viso in una zona boschiva sui monti del Tonale a 1.700 metri di altezza. Era in posizione prona, rannicchiato e con la pancia in giù e ancora vestito, con gli stivali ai piedi. Il posto si trova a pochi passi dal rifugio degli alpini usato come base operativa dalle forze di soccorso e a un’ora di cammino dalla Suzuki Vitara, l’auto dell’uomo chiusa all’esterno e trovata venerdì sera.

Ghirardini risultava scomparso da mercoledì quando avrebbe dovuto partecipare a una battuta di caccia, poi annullata per il maltempo. Ma doveva tenersi a disposizione, lui che per ultimo aveva visto proprio il suo datore di lavoro la sera dell’8 ottobre, prima della scomparsa. Era già stato interrogato una volta e avrebbe dovuto essere sentito di nuovo, proprio mercoledì. Quel giorno avrebbe detto alle sorelle di andare a caccia, ma le armi sono rimaste in casa. La sera stessa, quando non lo hanno visto rientrare nella casa di Marcheno, hanno denunciato la scomparsa ai carabinieri. E così il caso si è infittito. Le ricerche avevano riguardato la zona del Crocedomini, l’ultimo luogo dove risultava agganciata la cella telefonica dal cellulare.

Un testimone, dopo aver sentito di una presunta auto abbandonata, ha segnalato proprio la presenza della Suzuki Vitara a Ponte di Legno ritrovata venerdì sera. Ricerche rese complicate dalla neve caduta in quelle ore. Si erano mossi carabinieri, Protezione civile, unità cinofile e vigili del fuoco per tutta la giornata di giovedì, venerdì e sabato. Nel primo pomeriggio di oggi, però, è stato ritrovato senza vita. Secondo le prime informazioni, sul corpo non ci sarebbero segni di ferite e sembra sia morto in modo naturale, forse per il freddo. Sul posto sono arrivati in prima serata anche i Ris di Parma per valutare tutti gli elementi.

Il decesso risalirebbe proprio alla sera della scomparsa, mercoledì. E’ stata disposta l’autopsia, mentre è da verificare se ci sia un legame con la scomparsa di Mario Bozzoli. Secondo alcuni, l’uomo sarebbe andato a Ponte di Legno per volontà sua e non si configurerebbe un caso di fuga. Al contrario, qualcuno dice che negli ultimi tempi c’erano stati alcuni dissidi tra l’operaio e il datore di lavoro. In più, la mattina del giorno della scomparsa aveva pubblicato sul suo profilo Facebook alcune frasi del tipo “Guardati le spalle” o chiedendo l’aiuto della Madonna nelle difficoltà. E il mistero resta.