MARCHENO – Imprenditore scomparso, in cento cercano Mario Bozzoli

0

E’ giallo a Marcheno, in Valtrompia, per la scomparsa di Mario Bozzoli, 50 anni, imprenditore e titolare insieme al fratello della raffineria e fonderia di metalli ferrosi F.lli Bozzoli Srl di via Gitti 19, nella zona industriale del paese. L’uomo sembra svanito nel nulla. Gli ultimi ad averlo visto, alle 19,30 di giovedì, gli operai della sua azienda. Li ha salutati dicendo che andava a farsi una doccia, aveva quindi telefonato alla moglie avvisandola che, dopo essersi cambiato, si sarebbero visti dopo un’oretta a casa per cena.

Bozzoli testinaInvece, di lui si sono perse completamente le tracce. La sua Mercedes è ancora parcheggiata nel cortile dell’azienda e le chiavi, insieme ai vestiti puliti, nell’armadietto degli spogliatoi. Neppure le telecamere poste nei punti strategici della fabbrica hanno potuto segnalare né il passaggio, né l’uscita di Mario Bozzoli. Le ricerche sono ora a 360 gradi e vedono impegnati carabinieri, Protezione civile, Corpo Forestale, uomini della scientifica dell’Arma e i cani molecolari che stamattina hanno seguito tracce verso nord.

Bozzoli1Nessun esito nelle montagne vicine e anche il vicino torrente è stato passato al setaccio senza alcun risultato. In mattinata è giunto sul posto anche il comandante provinciale dei carabinieri colonnello Giuseppe Spina, mentre il sindaco di Marcheno Diego Bertussi fin da venerdì segue da vicino le ricerche. “Un episodio che non trova spiegazioni” dice il primo cittadino. Mentre il colonnello non esclude alcuna ipotesi, dalla disgrazia, al rapimento e alla scomparsa volontaria.

Resta un mistero di come possa essere uscito, ancora in tuta da lavoro, senza che neppure le telecamere ne registrassero il passaggio. Nessuno lo ha visto. La moglie e i due figli vivono, comprensibilmente, ore di angoscia e apprensione. E’ stata esaminata anche la situazione personale e finanziaria che non presentano ombre. L’azienda ha un buon fatturato e Mario Bozzoli, con il fratello, stava per aprire un’altra attività a Bedizzole.

Intanto nelle ultime ore sono aumentate persone e mezzi a disposizione per continuare le ricerche. Tra carabinieri, vigili del fuoco e Protezione civile si è mobilitata una squadra di cento persone. Stanno controllando i boschi intorno al fiume Mella e in ogni angolo della zona. E’ stato attivato anche un coordinamento dall’alto con un elicottero, mentre a Marcheno nelle prossime ore arriveranno anche gli agenti del Ris di Parma per tutte le valutazioni scientifiche.