DARFO – Convulsioni, carabinieri salvano una bimba di 11 mesi. Sta meglio

0

Nella tarda serata di mercoledì i carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della compagnia di Breno hanno salvato una bambina di 11 mesi. Mentre i militari si trovavano di pattuglia sulla Ss 42, 42, all’altezza di Darfo Boario Terme, in Valcamonica, hanno notato un’auto che li seguiva e cominciando a lampeggiare con i fari in maniera insistente. Non appena si sono fermati, una donna di origine bosniaca, ma da tempo residente ad Artogne, è scesa dalla sua auto ed è salita su quella dei carabinieri con in braccio la figlia piccola cianotica e priva di sensi.

Ha urlato chiedendo aiuto e le forze dell’ordine sono partite a grande velocità, nonostante la forte pioggia, con sirene e lampeggianti accesi verso l’ospedale di Esine. Nel frattempo, la centrale operativa di Breno ha avvertito l’ospedale dell’emergenza pediatrica in arrivo e fatto bloccare dalla pattuglia della stazione di Esine la rotonda che conduce al nosocomio in modo da agevolare l’arrivo dei colleghi. Appena arrivati in pronto soccorso c’era ad attenderli il pediatra. La bambina è apparsa subito in condizioni critiche per convulsioni dovute alla febbre, tanto da dover essere rianimata. La bambina si è poi ripresa appena in tempo.

La mamma, in lacrime, ha ringraziato i carabinieri e si è resa conto che nell’auto sulla quale la donna si trovava erano rimasti il marito e padre della bambina (anche lui di origini bosniache) e un altro figlio di tre anni. Visto che non giungevano in ospedale, i carabinieri li hanno raggiunti e hanno trovato l’uomo talmente scioccato da non riuscire nemmeno a guidare. Anche lui con il figlio sono stati portati in ospedale, mentre la piccola è stata ricoverata, ma le sue condizioni sono in miglioramento.