GHEDI – Ascoli, scontro tra tornado partiti da Ghedi. Perizia: “Colpa di organizzazione”

0

Il 19 agosto del 2014 due tornado erano partiti dalla base militare di Ghedi, nella bassa bresciana, per una missione di addestramento. Ma sopra i cieli di Ascoli Piceno si erano scontrati. Nell’incidente morirono tutti e quattro i piloti, Alessandro Dotto, Mariangela Valentini, Giuseppe Palminteri e Paolo Franzese. La procura di Ascoli aveva aperto un’inchiesta, disponendo una perizia a due esperti di Aeronautica militare per verificare cosa fosse successo.

A luglio la relazione era stata portata alla procura e nelle ultime ore è stata depositata e quindi resa pubblica alle parti coinvolte nella vicenda. Secondo la perizia, la responsabilità si troverebbe nei difetti organizzativi alla base di Ghedi. In pratica, stando a quanto raccolto dai tecnici, l’incidente non sarebbe stato colpa di un errore umano dei piloti Valentini e Dotto, ma di una pianificazione e assistenza al volo errati.

La procura ha raccolto diversi elementi, dalle scatole nere alle tracce del radar e le comunicazioni sonore. Secondo la perizia, alcuni strumenti non avrebbero funzionato, tanto che i due tornado avrebbero volato a vista, senza conoscere l’uno la posizione dell’altro.

Le indagini hanno verificato che il velivolo guidato da Dotto si trovava in una posizione non prevista, ma secondo la procura non sarebbe colpa del pilota. Tra l’altro, stando alle prime informazioni dopo il deposito della perizia, sembra che proprio Dotto non dovesse partecipare alla missione. Avrebbe sostituito un altro che quel giorno si era dato indisposto.