BRESCIA – Blitz animalisti a “Green Hill”, accusa chiede condanna fino a 4 anni

0

L’irruzione del 28 aprile del 2012 all’allevamento di cani beagle “Green Hill” di Montichiari da parte di una decina di animalisti che portarono fuori diversi animali destinati alla sperimentazione, potrebbe costare caro agli stessi attivisti.

I dirigenti e un veterinario del canile sono stati condannati in primo grado dal tribunale del Brescia per presunti maltrattamenti sui cani e animalicidio e il canile venne chiuso. Il sostituto procuratore Ambrogio Cassiani che conduce l’ampia indagine ha chiesto negli ultimi giorni varie condanne, dagli 8 mesi ai 4 anni, per i tredici animalisti responsabili del blitz.

Per loro, che condussero fuori dalla struttura 69 beagles, l’accusa è di furto, rapina e lesioni, mentre è stata chiesta l’assoluzione per danneggiamento. Gli avvocati difensori hanno chiesto che gli assistiti vengano assolti perché il gesto poteva essere “giustificato dalla presenza degli animali sofferenti”.