CONCESIO – Ambiente, scambio di oggetti per “azzerare” i rifiuti. Due giornate di “riuso”

0

Un giorno all’insegna del recupero di oggetti usati e per ridurre la produzione dei rifiuti si terrà sabato 26 settembre dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 18. Si tratta della “Giornata dell’Uso e Riuso” organizzata dal Comune di Concesio con Aprica che gestisce la raccolta dei rifiuti per il paese e insieme al comitato di solidarietà di San Vigilio per la campagna “Riduciamo i rifiuti a Concesio”. Le prime edizioni hanno avuto successo e danno l’occasione per scambiarsi oggetti non più utilizzabili, ma ancora in buono stato e funzionanti.

Un’iniziativa nata per “allungare” la vita a determinati beni che possono essere ancora usati da altre persone. L’evento si terrà nella palestra dell’ex centro culturale in via Rodolfo da Concesio 3. Un’altra giornata simile si svolgerà sabato 28 novembre ancora in palestra. L’iniziativa prevede che ogni cittadino porti oggetti in buono stato in palestra per prenderne altri in cambio. In particolare, all’ingresso chi parteciperà all’iniziativa dovrà dare le proprie generalità e verranno verificati se il materiale portato funziona.

In cambio si avrà una serie di tagliandi, in base al numero di elementi portati, con cui poter prendere altri oggetti durante la giornata o in quella del 28 novembre. Tra i beni ammessi ci sono accessori per la casa, libri, riviste e fumetti, piccoli elettrodomestici, abbigliamento e accessori, giochi e accessori per bambini, attrezzature per disabili, attrezzi ginnici e sportivi, arredo bagno e accessori, attrezzi da giardino e arredo, stoviglie e tegami, accessori da ufficio, accessori per auto e moto, musica e film, biancheria per la casa e hobbistica. Per i beni ingombranti, invece, tra mobili e altri, si potranno esporre fotografie e caratteristiche.

“Dobbiamo metterci in testa che il miglior rifiuto è sempre il rifiuto che non si produce – dice l’assessore all’Ambiente e Lavori pubblici Giampietro Belleri – e queste Giornate del Riuso sono finalizzate proprio alla riduzione dei rifiuti prodotti. Un oggetto che a noi non serve più, può essere ancora utile per altri, invece di esser avviato al ciclo dei rifiuti, e queste giornate sono pensate proprio per proporre una vetrina di scambio. Se da una parte si registrano notevoli risultati sul lato del recupero e riciclaggio dei rifiuti, sull’altro fronte è necessario evidenziare un aumento della loro produzione, come d’altronde più o meno in tutta Europa. E’ evidente che questa tendenza si configura come contrastante rispetto all’attuazione di un concreto progetto di sviluppo sostenibile”.

“GIORNATA USO E RIUSO”: COSA PORTARE