COLLIO – Profughi, titolare hotel: “Adesso basta protestare”. Mamme vanno in tv

2

Da circa tre settimane San Colombano di Collio, in alta Valtrompia, è sotto i riflettori a livello bresciano e nazionale per la presenza di diciannove migranti ospiti dal 27 agosto all’hotel “Al Cacciatore”. Il paese, che conta circa 2 mila abitanti, è passato dalla tranquillità alle polemiche e proteste. Tanto da raccogliere oltre 1.200 firme per chiedere di trasferirli, scontri tra estrema destra e antagonisti che hanno portato cinque fogli di via per cinque militanti, oltre a presidi ogni sera da parte delle forze dell’ordine.

Quella della sicurezza è una promessa che il prefetto di Brescia Valerio Valenti ha fatto alle mamme giunte in piazza Paolo VI nei giorni scorsi. Con l’inizio dell’anno scolastico, infatti, avevano minacciato di non portare i figli a scuola, che si trova a pochi passi dall’albergo o addirittura a scortarli in auto per la paura che venissero a contatto con i migranti. Dalla parte loro, i richiedenti asilo hanno scritto una lettera ai cittadini e poi una preghiera per invitare la popolazione a non avere timori. Ma non è bastato.

La piazza di San Colombano è finita più volte in tv, a “Dalla vostra parte” e “Quinta colonna” su Rete 4, fino all’ultima apparizione ieri a “Pomeriggio Cinque” condotto da Barbara D’Urso su Canale 5 (guarda il video a partire da 1h 34′). Nel contenitore pomeridiano si sono presentate le mamme per chiedere che i migranti vengano trasferiti perché non sanno che tipi di persone siano. Nelle ultime ore, come riporta il Corriere della Sera, si è fatto sentire anche l’hotel incriminato. La titolare Raffaella Cantoni si dice stanca dei continui presidi e movimenti serali dei cittadini contro la presenza dei profughi.

“Adesso basta, sto facendo il mio lavoro e stiamo rispettando le legge”. E’ critica verso i militanti di estrema destra per gli scontri provocati, ma ha anche chiesto che la manifestazione prevista sabato 19 settembre con il coordinamento antirazzista e antifascista della Valtrompia (l’Anpi si è smarcata) venga rinviata. Niente da fare, ma gli organizzatori hanno assicurato che non ci saranno problemi. Fermo immagine tratto dal programma “Pomeriggio 5”

2 Commenti

  1. Solidarietà ai ragazzi profughi e al gestore dell’albergo. Ma come, l’ANPI si è “smarcata”? Io che ho la tessera Anpi mi vergogno di questo.
    Care mamme fate l’amore non fate alla guerra… Può capitare anche a voi, un terremoto, un’alluvione…

    • Alla fine anche l’ANPI e molti altri inizialmente titubanti ha partecipato. E’ stata una manifestazione solidale e di festa, anche se qualcuno da “lontano” ha cercato di rovinarla. Vogliamoci bene gente!!!

Comments are closed.