COLLIO – Profughi Collio, scontri tra estrema destra e antagonisti. Cinque fogli di via

0

Sono arrivate nelle ultime ore le conseguenze degli scontri avvenuti il 5 settembre a San Colombano di Collio, in alta Valtrompia, quando alcuni attivisti di Forza Nuova e “Brescia ai bresciani” vennero a contatto con i militanti dei centri sociali e di estrema destra per la vicenda dei diciannove migranti ospitati nell’hotel “Al Cacciatore”. In mezzo alle due fazioni era intervenuta la polizia per evitare conseguenze peggiori.

Cinque manifestanti hanno ricevuto il foglio di via da parte della questura di Brescia e non potranno andare a Collio nei prossimi tre anni. In quei momenti di tensione, dopo aver analizzato video e fotografie di chi era presente sul posto, tra le forze dell’ordine e dalle telecamere di video sorveglianza, la procura di Brescia ha deciso di aprire un’inchiesta.

Sono state identificate altre venti persone che hanno partecipato alla protesta, compresi i militanti di sinistra che erano saliti per dare la loro solidarietà ai migranti. Infatti, stando alle accuse, non avrebbero rispettato le direttive della questura. Sabato 19 settembre alle 14,30 ci sarà un’altra manifestazione del coordinamento antirazzista e antifascista della Valtrompia, ma l’Anpi si è smarcata dal presidio.