UDINE – Rally Friuli e Suzuki Swift da dimenticare per i bresciani Campedelli e Saresera

0

“Rally del Friuli” amaro per i bresciani quello svoltosi lo scorso fine settimana. Danilo Fappani, navigatore di Simone Campedelli, alla fine noni, sono stati penalizzati da una panne elettrica all’inizio della quinta prova. “Il filo dell’alternatore si è rotto sulla quarta prova e dopo 50 metri dalla partenza della quinta speciale, quando abbiamo acceso i fari, non abbiamo avuto più corrente.

Siamo ripartiti il giorno successivo con la formula super rally con una forte penalizzazione”. Sulla seconda prova della seconda giornata i due hanno però forato, fermandosi per cambiare gomma e quindi addio ad ogni possibile recupero. “Avremmo potuto chiudere quarti ma non di più – dice Fappani.- Le vetture della categoria R5 sono troppo superiori rispetto alla nostra Super 2000. Siamo comunque contenti perché era la prima gara per Campedelli sull’asfalto con la vettura”.

Per il navigatore bresciano il prossimo impegno sarà al rally San Martino di Castrozza del campionato italiano World Rally Car dove navigherà il pilota valsabbino Luigi Niboli. Altra soddisfazione è poi quella che Fappani, sempre insieme a Campedelli, è il nuovo ricognitore nei rally mondiali per Robert Kubica. “Dopo il rally di Germania, ora faremo il Rally di Corsica e quello di Spagna. Una grande soddisfazione anche se non siamo in gara, ma che serve per fare esperienza in prove mondiali”.

Nel trofeo Suzuki swift, il giovane Gianluca Sarasera, ha ottenuto solo un sesto posto, dopo che, mentre era all’attacco della terza posizione, commetteva un errore sull’ultima prova speciale. “Dopo l’annullamento della penultima prova speciale, quella a noi più congeniale – dice Saresera – siamo partiti dando il tutto per tutto per provare a rimontare i pochi secondi che ci separavano dalla terza piazza. Purtroppo in un’inversione sono arrivato un poco troppo lungo e la Suzuki Swift è scivolata lateralmente: nessun urto, ma siamo finiti in un piccolo fosso di rovi senza riuscire a rimetterci velocemente in carreggiata”.

Solo l’intervento del pubblico ha aiutato l’equipaggio della scuderia Just Race a riprendere la corsa, ma il tempo perso era ormai troppo. Ora per le residue chances di podio assoluto Saresera dovrà sudare le proverbiali sette camicie in occasione del veronese “Rally delle 2 Valli” in programma ai primi di ottobre.