BRESCIA – Mucche dopate per produrre più latte. Arrestato ex agente di commercio

0

I carabinieri del Nas hanno arrestato in provincia di Brescia un ex agente di commercio che opera nel settore zootecnico. Le manette sono scattate per opera di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere firmata dal giudice per le indagini preliminari su richiesta del pubblico ministero Ambrogio Cassiani.

Fa parte dell’inchiesta “Via Lattea” che era partita nel 2014 dopo aver scoperto un traffico di farmaci illeciti che venivano somministrati alle mucche. Una sorta di doping che consentiva di aumentare la produzione di latte del 20%. L’indagine era partita dopo le perquisizioni del 24 ottobre 2014 e 17 marzo 2015 nelle aziende commerciali e agricole del nord Italia.

In quelle operazioni erano stati denunciati un veterinario e due agenti di commercio, sequestrati 16 allevamenti, più di 4 mila capi di bestiame, 80 mila litri di latte sottoposti a vincolo sanitario, 1.700 confezioni di farmaci veterinari per bovini e suini, dieci fusti per 130 litri di prodotto medicamentoso per uso veterinario, 15 fiale di somatotropina, 55 chili di farmaci illegali e quindici ricette di prescrizioni mediche e timbri per un totale di 3 milioni di euro.