DARFO – I grandi della musica e fotografia cercano nuovi talenti italiani

0

“Il bello della musica è che quando ti colpisce non senti dolore” amava dire Bob Dylan. E allora eccole, le storiche voci del rock italiano, gli artisti che, più di altri, hanno accarezzato, emozionato, scosso, le anime dei loro fan, pronte ora a passare in rassegna le nuove leve della musica e made in Italy, per scoprire di loro chi avrà la stoffa per diventare un vero talento.

In particolare, Omar Pedrini, un tempo cuore e chitarra dei “Timoria”, oggi nella carriera da solista, il pianista Oscar Del Barba, artista eclettico capace di spaziare dal pop al jazz, dalla musica “classica” ai ritmi etnici e popolari, Diego Minoia, pianista e compositore, autore di oltre 300 pubblicazioni musicali e Franz Di Cioccio, storico batterista e cantante della Premiata Forneria Marconi con all’attivo più di 6 mila concerti e dischi pubblicati in tutto il mondo e collaborazioni, tra gli altri, con Battisti, De André, Mina, Celentano saranno chiamati a giudicare i concorrenti del concorso “Le parole che cantano 2015”.

Il contest, organizzato dall’associazione no profit di Darfo Boario Terme “Sorgente Idea”, di cui Minoia è presidente, è rivolto a musicisti, parolieri e compositori, anche esordienti che, compiuti 14 anni, abbiano voglia di mettersi in gioco concorrendo nelle categorie: miglior testo, musica, canzone completa e interprete. I compositori avranno tempo fino al 20 settembre per inviare la propria domanda di iscrizione al concorso solo tramite mail con i loro elaborati, mentre le premiazioni si svolgeranno nel corso di una serata evento che si terrà al teatro San Filippo di Darfo Boario Terme sabato 3 ottobre.

“Ci aspettiamo dai concorrenti un viaggio musicale pieno di sorprese con proposte innovative e stupefacenti. Chiediamo loro di dare libero sfogo alle passioni, all’energia dei loro strumenti e alla potenza delle emozioni che diventano parole di splendide canzoni. Perché vogliamo che il loro talento si faccia sentire forte e chiaro in tutto il teatro, trainato da ispirazione, libertà e da una grande, grandissima, voglia di farcela” ha detto Franz Di Cioccio presidente di giuria.

Ma, non solo note e pentagrammi, altri cinque grandi artisti andranno a comporre la giuria d’eccezione per il secondo concorso nato in seno a Sorgente Idea, “Vedere la musica”, contest dedicato alle fotografie che ritraggono l’impegno e la passione di chi lavora o fruisce della musica con due sezioni: “Vita da musicista” con immagini di vita quotidiana legate ai luoghi di lavoro musicale, ritratti, ambienti, strumentazione e “Immagini di musica”, con tutto il fascino della musica intesa come ascolto, percezione, interpretazione ed emozione.

A giudicare le performance, una commissione composta anche in questo caso da cinque esperti di comunicazione e arti visive, tra cui: Davide Bassanesi, regista e video-maker, nonché socio co-fondatore dell’associazione “Sorgente Idea”, Gio Lodovico Baglioni, fotografo bresciano specializzato in panorami e Gian Luigi Braggio, artista molto apprezzato noto per la ricerca di umanità e crescita spirituale, Fabio Cattabiani, fotografo professionista direttore della fotografia e di film-maker, presieduti da Fabio Nosotti, fotografo e giornalista di musica e moda, co-fondatore di riviste musicali di culto come “Il mucchio selvaggio” e “Buscadero”, collaboratore di “Tutti Frutti”, “Rockerilla”, “Tutto Musica”, “Hi-Fi”, “Videomusic”, la prima televisione musicale in Italia, Vogue Italia, Esquire Italia, Donna, Amica, 100 Cose, Hard Rock, Top Girl, Rock Show, per citarne solo alcune.

Lui, artista dello scatto, firma di oltre 2mila copertine di dischi, che dal 1987 espone le sue opere in mostre itineranti da “Click & Rock” alla più recente “Smell like America”, giudicherà gli scatti in concorso e selezionerà con la giuria cinque finalisti per ogni sezione del concorso. I primi classificati riceveranno un premio in denaro di 300 euro ciascuno e la premiazione avverrà, anche in questo caso, sabato 3 ottobre al teatro San Filippo di Darfo. “La musica può essere pensata, eseguita, ascoltata, interpretata, ma anche scattata e visualizzata e l’emozione che ne può nascere è altrettanto grande e sensazionale. Ma questo accade solo se il fotografo riesce a cogliere l’attimo perfetto, fermando il tempo, immortalando la vita, per trasfondere la potenza di una nota in un mare di pixel. Ecco, questo è ciò che fa la differenza tra un fotografo amatoriale e un professionista e noi ci aspettiamo di scoprire molte nuove promesse tra concorrenti che sceglieranno di gareggiare.

Aspettative che, siamo sicuri, non verranno deluse” ha commentato Fabio Nosotti presidente di giuria. Gli aspiranti fotografi potranno registrarsi sul sito internet e inviare le foto entro il 20 settembre solo in formato digitale alla mail. Anche per loro, la premiazione si terrà sabato 3 ottobre al teatro San Filippo di Darfo Boario Terme. “Sarà una serata all’insegna dell’arte: dal pianoforte alla macchina fotografica, per emozionare ed emozionarci grazie alla composizioni dei nuovi talenti. Perché ciò che desideriamo, è proprio ricreare un evento di ampio respiro in cui chiunque lo desideri, possa esprimere la propria arte, stupendoci con effetti speciali e, chissà, avviando magari proprio da qui la sua brillante carriera nella fotografia o nella musica, prendendo esempio dai big che supervisioneranno i loro lavori con lo sguardo attento dei giurati e l’anima, indomita, degli artisti” ha detto Diego Minoia, direttore artistico dei concorsi patrocinati dalla Regione Lombardia. Tutte le informazioni sui bandi ufficiali dei concorsi si trovano sul sito internet.