GARGNANO – Vela, Francia conquista il Mondiale dei Dragoon. Via alle altre gare

0

Ieri nuovamente arie da sud per la flotta degli Hobie impegnati nel Campionato Europeo Hobie 16 in contemporanea al Mondiale di Wild Cat e Tiger, le carene della Formula 18.

Ieri sera grande festa (con un apprezzato spiedo bresciano) per i giovani dell’Hobie Dragoon, la doppia carena che possiamo considera l’Optimist dei multiscafi. La vittoria è andata agli specialisti francesi. I nuovi campioni del Mondo sono i bretoni  Lou e Swan Berthomieu di Locmariequer, località poco lontano da Trinitè sur Mer. L’argento è andato ad un altro equipaggio francese Ian Garreta e Oscar Pean, bronzo ai belgi Nicolas De Vos e Frederic van Dewalle.

Quinto è il primo equipaggio italiano quello di Luca Di Niso ed Edoardo Rosati del Club Svagamente di Pescara, 6° Alessandro Serra e Alessandro Masala del Windsurfing Club di Cagliari, 8° Alessandro e Barbara Trevisan del Porto di Mare di Padova. Nelle regate del Mondiale Wild Cat si è presentato anche il pluricampione mondiale e olimpico Mitch Booth, che corre con il giovane figlio Ruben. Booth australiano di nascita, due medaglie olimpiche, una serie infinita di titoli Mondiali, skipper dei cinesi in Coppa America. Sul Garda lo ricordano per la sua vittoria alla Centomiglia del 1993, quel giro del lago che parte proprio da Gargnano.

Booth in equipaggio con gli skipper olimpici azzurri Giorgio Zuccoli e Angelo Glisoni portò il monocarena “Dimore” (un 13 metri firmato da Giò Ceccarelli) alla vittoria assoluta con il tempo da primato di 6 ore e 5 minuti, da allora imbattuto sia da multi sia da monoscafi. La macchina organizzativa del Mondiale della flotta Hobie è coordinata dal Circolo Vela Gargnano, affiancato dalla 14° Zona di Federvela e Univela Campione.