BRESCIA – Sequestrati anabolizzanti per doping in tutta Italia. In manette un culturista

0

I carabinieri dei Nas di Perugia hanno condotto un’operazione, “Big Bull”, che ha fatto sequestrare migliaia tra compresse e anabolizzanti, anche nel bresciano. Nella vicenda è coinvolto un body builder di 35 anni conosciuto a livello mondiale e considerato uno dei punti di riferimento dove acquistare i medicinali. Per la sua compagna che abita a Torino, invece, è stato disposto l’obbligo di firma.

Le forze dell’ordine hanno eseguito ventisei perquisizioni tra palestre, modelli e personal trainer in tutta Italia, indagati per presunta compravendita illegale e cessione di farmaci anabolizzanti e stupefacenti e ricettazione. I dettagli sono stati spiegati stamattina in procura a Perugia ed è emerso che i controlli sono stati fatti nelle province di Milano, Torino, Perugia, Ancona, Brescia e Ragusa. Tutto è partito da un’indagine del 2013 e terminata lo scorso settembre.

In questo periodo sono state sequestrate 5 mila pasticche e 2 mila fiale anabolizzanti. Secondo gli inquirenti sono coinvolti quattro tra culturisti e preparatori che avrebbero portato avanti un traffico clandestino di medicine. Il 35enne arrestato e condotto ai domiciliari nelle ultime ore per esercizio della professione medica, falso e violazione della normativa antidoping, era finito proprio in quell’inchiesta.

I militari hanno sequestrato steroidi, anabolizzanti, ormone della crescita e cortisone che la presunta banda prendeva in farmacia e su internet e arrivata anche da Inghilterra, Grecia, India e Moldavia.