GARDA – Evasioni, risse e abusi di alcol e droga al volante. Notte di lavoro per i carabinieri

0

Nella notte tra giovedì e venerdì scorsi i carabinieri della compagnia di Salò con il Nucleo Cinofili antidroga di Casatenovo di Lecco e quelli del Nas e Nil di Brescia hanno svolto vari controlli sul lago di Garda contro lo “sballo”. Sono state coinvolte quattordici pattuglie soprattutto nei locali notturni della zona e che richiamano molti giovani avventori, anche minori, che spesso abusano di alcol e droghe. Vicino a uno dei locali a Moniga del Garda diversi giovani sono stati denunciati come assuntori di sostanze stupefacenti. Si sono trovati tra fumo di cannabis e musica alta e hanno perquisito i ragazzi con i cani anti droga. Tutti avevano qualche dose di hashish o marijuana e 21 sono stati segnalati. Sequestrati anche 45 grammi di marijuana, hashish e cocaina. Un giovane è stato, invece, trovato in possesso di 20 grammi di marijuana.

All’inizio, approfittando della confusione, era riuscito a evitare i controlli fuori da un locale e si era vantato di aver “fatto fessi gli sbirri, la ganja l’ho nascosta nelle mutande”. Ma accanto a lui c’erano dei carabinieri in borghese che lo hanno perquisito e denunciato. Controlli anche su chi guida in stato di ebrezza. Cinque sono stati denunciati con il ritiro della patente perché avevano tassi alcolici da 0,90 a 2 grammi per litro. Sono finiti nel mirino anche alcuni bar e ristoranti che hanno avuto una multa di 6 mila euro per lavoratori in nero, mentre è stata sospesa l’attività in un esercizio pubblico per scarso igiene in cui venivano conservati gli alimenti. Poi è stato arrestato per evasione un albanese del 1992, pluripregiudicato per reati contro la persona e senza fissa dimora in Italia.

Lo straniero, già ai domiciliari dal 28 maggio per reati sulle armi, dovendo scontare ancora sei mesi di reclusione è stato sorpreso dai carabinieri di Salò vicino a una fermata degli autobus di linea a Salò. Aveva con sé una borsa con tutti gli effetti personali perché aveva intenzione di scappare e andare in Albania. L’uomo è stato condotto al carcere di Canton Mombello. Un altro arresto, sempre per evasione, è stato fatto dai carabinieri di Manerba che hanno fermato un ricercato, un nomade del 1973, pluripregiudicato e nullafacente. Era già stato arrestato in flagrante per furto aggravato l’1 luglio scorso a Toscolano Maderno per aver rubato 200 euro dal registratore di cassa di un panificio. Posto ai domiciliari aspettando il rito per direttissima, ha fatto perdere le sue tracce allontanandosi dal posto dove era recluso.

Lo hanno trovato in una zona residenziale di Puegnago sul Garda. Poi è stata sedata una rissa che ha coinvolto quattro persone, tutte con precedenti e tra i 40 e 50 anni. I militari sono intervenuti nel bar pizzeria e sul posto hanno sorpreso due che stavano scappando. Sono stati fermati insieme agli altri grazie alle riprese delle telecamere di video sorveglianza. Sul posto è arrivata anche un’ambulanza per medicare uno dei fermati e ne avrà per trenta giorni per la frattura del setto nasale e della rotula del ginocchio sinistro. Poi si è scoperto che la rissa era stata scatenata per futili motivi sull’abuso di sostanze alcoliche. Sulle strade, infine, hanno controllato 136 veicoli e 257 persone, con 4 mila euro di multe e tolti 95 punti dalle patenti.