BRESCIA – Traffico di anabolizzanti, tre arresti e indagati. Erano destinati alle palestre

0

Medicine anabolizzanti da vendere sul mercato nero per poi arrivare sugli scaffali delle palestre di Brescia, Milano e Lodi. E’ questa l’accusa con cui tre persone sono state arrestate dai carabinieri dei Nas eseguendo vari provvedimenti nelle tre province con ventotto perquisizioni domiciliari. Sono state anche notificate un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, una ai domiciliari e un’altra all’obbligo di dimora.

I tre farebbero parte di un’associazione criminale che avrebbe falsificato ricette mediche dopo furti negli ospedale di Brescia e per ottenere da farmacie compiacenti i medicinali da mettere nel doping. Le ricette mediche venivano intestate a individui ignari di tutto ed esenti dal ticket, così veniva accreditata al Servizio sanitario nazionale ogni farmaco fino a 250 euro per ogni confezione e rivenduta 80 euro a vari soggetti inseriti nel campo sportivo e del bodybuilding.

L’accusa riguarda anche la vendita di medicinali guasti o imperfetti perché senza norme di conservazione indicate dal produttore. Nell’inchiesta sono finiti anche 10 titolari di farmacie del bresciano per truffa aggravata ai danni del Servizio Sanitario Nazionale per circa un 1,5 milioni di euro.