CONCESIO – Cantieri nelle scuole, si rifanno il look le medie di Sant’Andrea e San Vigilio

0

Dopo il rilascio del permesso di costruire convenzionato alla società Lusigest, proprietaria del terreno dove si trova il centro commerciale Auchan e la sua galleria a Concesio, sono in carico alla stessa società gli interventi per la riqualificazione igienico sanitaria di alcune scuole, in particolare alle medie di Sant’Andrea e San Vigilio. Inoltre, si è presa in carico anche un intervento per adeguare il tetto della materna di San Vigilio. Nello specifico, la media di Sant’Andrea sarà interessata, già dalla metà di luglio, dal completo rifacimento dei servizi igienico sanitari, nuovi bagni e un’altra aula didattica ottimizzando gli spazi.

Poi altri interventi simili si faranno alla media di San Vigilio. A inizio luglio, invece, verranno realizzati i lavori sulla copertura della scuola materna di San Vigilio e si concluderanno entro metà agosto. Poi entro metà settembre dovrebbero finire quelli su Sant’Andrea. Per San Vigilio i lavori saranno svolti durante le lezioni, ma senza interferire con le attività. La progettazione delle opere e il coordinamento dei lavori sarà affidato all’ufficio Tecnico Comunale con ogni onere a carico di Lusigest. In programma ci sono poi i lavori per la riqualificazione della palestra e locali della media di San Vigilio per i quali è già stato ottenuto il benestare dall’Istituto nazionale per il Credito Sportivo, con un finanziamento di 420 mila euro dei quali 150 mila da restituire in quindici anni a tasso zero e i restanti 270 mila a tasso agevolato.

E’ in corso la sottoscrizione del mutuo con lo stesso istituto e seguirà la gara d’appalto e l’avvio dei lavori. “Sono opere per migliorare la sicurezza, la qualità della vita e il livello dei servizi negli spazi scolastici – spiega Giampietro Belleri, assessore all’Ambiente e ai Lavori pubblici – e, considerando l’introito di somme legate allo standard compensativo aggiuntivo relative a un importante intervento urbanistico, ci è sembrato un atto doveroso investirli anche sulle strutture scolastiche”.