Grexit: cosa rischia l’Italia se la Grecia fallisce?

0

Secondo diversi economisti ed analisti un eventuale default greco non avrebbe grandi ripercussioni, anche se l’Italia sarebbe probabilmente il Paese più colpito tra quelli dell’Eurozona.

Secondo Standard & Poor’s, per la nostra penisola i costi stimati sarebbero di 11 miliardi di euro di maggiori oneri sul debito pubblico. Si tratterebbe dell’aumento “più grande in assoluto” all’interno dell’Unione Europea, alla quale l’addio della Grecia potrebbe costare in tutto 30 miliardi nel periodo 2015-2016. Tuttavia, le contromisure messe in atto dopo la crisi dello spread dovrebbero essere sufficienti sia ad impedire la volatilità delle Borse che a proteggere i titoli di Stato.

« Se ci saranno choc sul mercato finanziario, cosa da non escludere  – ha spiegato il Ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan ai microfoni del TG1 – questi choc saranno limitati e, in ogni caso, la Bce dispone degli strumenti per contrastarli. Nel Def  – ha quindi aggiunto – abbiamo fatto stime molto prudenziali per quanto riguarda il fabbisogno di interessi. In questi mesi di tassi bassi abbiamo anche portato fieno in cascina, così che il costo del debito è in ogni caso estremamente protetto ››.

Oltre ai problemi di natura finanziaria, non vanno dimenticati quelli relativi a pagamenti e liquidità. Le aziende italiane, in primis quelle che commerciano macchinari per l’industria agroalimentare, che fanno affari in territorio ellenico rappresentano circa lo 0,2% del PIL.