RODENGO SAIANO – A fuoco il deposito di biomasse della centrale, “nessun inquinamento”

0

Sei squadre dei vigili del fuoco di Brescia sono state impegnate da ieri pomeriggio fino a stamattina per spegnere le fiamme e mettere in sicurezza la donna dopo l’incendio divampato al deposito di stoccaggio delle biomasse destinate alla centrale di Rodengo Saiano, in Franciacorta. Il rogo si è acceso intorno alle 16 e sulle cause indagano i carabinieri che seguono ogni pista, anche quella del dolo.

Il materiale con cui l’impianto produce energia elettrica, infatti, non è autocombustile, quindi sarebbe da escludere il caldo o una scintilla. In tutto sono andate a fuoco migliaia di tonnellate che avrebbero alimentato la centrale per un mese. Sono state portate sul posto anche delle pale meccaniche e giunti i volontari della Protezione civile per separare le biomasse poi raffreddate.

Dopo l’incendio, vista la consistenza e il tipo di materiale, sono state allertate le forze dell’ordine e chiamati i tecnici dell’Arpa per verificare se ci siano stati dei danni ambientali. La società Franciacorta Rinnovabili Srl che gestisce la centrale ha voluto rassicurare sul fatto che la situazione fosse tranquilla. Anche gli esperti dell’agenzia regionale, secondo i vertici aziendali, hanno escluso forme di inquinamento. La centrale domenica era chiusa per sicurezza, ma poi è tornata in funzione.