Basket A2, Alessandro Santoro nuovo general manager della Leonessa

0

Alessandro Santoro è il nuovo General Manager della Centrale del Latte Basket Brescia Leonessa. Una notizia magari già nell’aria e anticipata dagli addetti ai lavori, ma diventata ufficiale soltanto da questa sera, con la conferenza stampa di presentazione svoltasi presso il Poliambulatorio Oberdan.

“Ringrazio di cuore tutti voi – le prime parole ‘biancoazzurre’ di Santoro davanti a giornalisti e  ai tanti tifosi accorsi -, così come ringrazio Graziella e Matteo per avermi dato fiducia e la possibilità di lavorare in una Società che ho seguito in questi anni e che ha dato grande dimostrazione di sapersi proporre ad alti livelli. Questo significa che alla base c’è una struttura importante, che viene rinforzata dalla passione e dalla volontà di sacrificio di chi la dirige. Tutto ciò ha portato a risultati notevoli e aperto la strada a prospettive altrettanto importanti. Questa per me è una grande opportunità, perché ritengo di essere in una Società che non lascia nulla al caso e in cui ogni scelta è frutto di grandi riflessioni, un sinonimo di grande serietà. Per questo voglio essere parte integrante della passione e del lavoro di Graziella e Matteo, per portare in campo tutto ciò che sta dietro le quinte. Molto spesso si sottovaluta questo aspetto che invece è fondamentale: la squadra è unita perché dietro c’è unione, armonia e questoa credo sia un’arma vincente che potrà dare alla Leonessa la grande opportunità di potersi proporre ai palcoscenici più importanti della pallacanestro italiana. Palcoscenici che questa Società, questa città e questi tifosi meritano, perché hanno dimostrato di esserne davvero all’altezza. Grazie a tutti, ora comincia l’avventura!”.

“Siamo molto soddisfatti di iniziare questo nuovo percorso con Sandro Santoro – il commento del Presidente Graziella Bragaglio -, che farà parte del nostro progetto per le prossime due stagioni. Sandro sarà una risorsa molto importanteper noi: in questi giorni ci siamo incontrati diverse volte ma abbiamo subito capito che c’era grande unità di intenti. Siamo convinti di aver trovato la figura ideale per il nostro scacchiere, la pedina che mancava al nostro progetto. Benvenuto e in bocca al lupo Sandro, non vediamo l’ora di cominciare!”.